Reggio Calabria, Burrone e Brunetti: “manutenzioni idriche già in corso a Mosorrofa”

palazzo san giorgio (2)“Per il Partito Repubblicano basta una semplice perdita alla condotta idrica per fare speculazioni politiche di basso rango”. È quanto dichiarano in una nota congiunta il Consigliere Filippo Burrone ed il delegato alle manutenzioni idriche Paolo Brunetti. “A fronte di quanto dichiarato su alcune testate giornalistiche – dichiarano Burrone e Brunetti – è utile informare i cittadini che ben prima che lo sparuto drappello dell’edera verde si prodigasse nella sua stucchevole e tardiva dissertazione a mezzo stampa, l’Amministrazione era intervenuta per riparare il guasto in questione. Peraltro bastava una semplice telefonata ad uno dei numeri informativi messi a disposizione dal Comune per conoscere come i lavori di ripristino fossero già in corso di esecuzione”. “Come anche i Repubblicani certamente sapranno – scrivono ancora i consiglieri Burrone e Brunetti – il problema segnalato è riconducibile ad una condotta di adduzione che attraversa una proprietà privata, il cui proprietario si rifiuta di consentire la manutenzione, posizionata a quanto pare senza alcuna convenzione negli anni passati, quando al governo della città c’era proprio gli stessi che oggi gridano allo scandalo”. “È utile che anche i Repubblicani sappiano – prosegue ancora la nota dei consiglieri – che l’Amministrazione è già intervenuta sui problemi segnalati, provvedendo immediatamente a mettere in rete il tubo di adduzione oggetto delle perdita, mentre nei prossimi giorni verrà completato l’intervento per il recupero del “troppo pieno”. Se loro stessi affermano di non essere esperti di ingegneria idraulica perché si arrischiano in considerazioni tecniche lontane dalle loro competenze? Evidentemente ogni ragione è buona per testimoniare la loro residuale presenza sul territorio, a differenza di ciò che produce l’amministrazione che lavora in silenzio e si confronta quotidianamente con i cittadini».  “Siamo coscienti che la situazione non è certo rosea, soprattutto nel periodo estivo – prosegue la nota – per via di una rete idrica vetusta e di una serie di usi impropri dell’acqua che sono stati prontamente segnalati e sono in fase di controllo da parte delle forze dell’ordine. Ma se questi signori pensano che si possa recuperare in pochi mesi un decennio di incuria ed abbandono evidentemente non hanno idea di cosa significa amministrare. Quello che invece andrebbe registrato è l’inversione di tendenza prodotta dall’Amministrazione Falcomatà nel rapporto con i cittadini e con il territorio, che finalmente hanno riferimenti certi e credibili ai quali rivolgersi per segnalare problemi e disservizi che vengono prontamente affrontati e risolti». «Certo non avremo la bacchetta magica – concludono i consiglieri – ma il lavoro che stiamo producendo è evidente e sotto gli occhi di tutti. Anche del partito dei comunicati stampa”.