Reggio Calabria: brutta avventura per un cittadino che finisce in una “buca trappola” [FOTO]

Reggio Calabria: il cittadino è finito con la gamba in una buca, per fortuna non sembra ci siano state gravi conseguenze

bucaIncredibile disavventura odierna vissuta da un cittadino e lettore di StrettoWeb (R.P) che all’uscita da una nota panetteria di Gallico Marina, periferia nord di Reggio Calabria, come da consuetudine, in via Casa Savoia trav. Pensabene, seppur ormai consapevole della presenza di un buco storico sul manto stradale, purtroppo stavolta, distratto dall’incontro di alcuni amici con i quali si e’ soffermato per qualche minuto, proprio accanto alla trappola, ci e’ cascato rovinosamente dentro con tutta la gamba e  fino al ginocchio con conseguente drastica caduta a terra. Immediatamente soccorso e aiutato dagli amici e da alcuni clienti della panetteria e’ stato adagiato in macchina per permettergli di poter proseguire verso la propria abitazione. Dalla prima diagnosi fatta dal medico curante del malcapitato sembra che non ci siano gravi conseguenze a parte una forte abrasione allo stinco della gamba destra e  contusioni varie su tutta la parte interessata e su altre parti del corpo causate dalla  conseguente caduta.

Ci si domanda come sia possibile che in un centro affollatissimo, specie in questo periodo di alta stagione turistica, frequentato da centinaia di persone, si consenta che  una trappola simile venga lasciata tale, nell’indifferenza totale, senza nemmeno essere posta in sicurezza e quindi recintata. Si aspetta forse che accada una disgrazia prima che si intervenga? E se al posto di questo malcapitato, per fortuna di eta’ non avanzata, fosse capitato ad una persona anziana, quali sarebbero state le conseguenze?

C’e’ da dire inoltre che di trappole piu’ o meno simili, sul territorio di Gallico-Sambatello  ce ne sono  tante altre, e sempre prontamente segnalate, sia da privati cittadini che da comitati o associazioni varie, per cui si raccomanda a chi di competenza di non sottovalutare mai segnalazioni simili e di, quanto meno, intervenire tempestivamente per metterle in sicurezza evitando quindi spiacevoli disavventure come quelle vissute dal nostro lettore a cui auguriamo una pronta guarigione.