Reggio Calabria, 48enne arrestato per violenza contro l’ex fidanzata

Reggio Calabria, la Polizia di Stato arresta un 48enne per violazione di domicilio aggravata e lesioni personali aggravate nei confronti della ex fidanzata. Imposto all’uomo il divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla sua vittima

stalking-1Nel tardo pomeriggio del 9 agosto scorso, personale del Commissariato di P.S. di Gioia Tauro,  nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del territorio, ha arrestato un 48enne, N.V., nella  flagranza del reato di violazione di domicilio aggravata e lesioni personali aggravate in danno della ex fidanzata 37enne. In particolare, personale della Squadra Volante e della Sezione Investigativa interveniva in Gioia Tauro, a seguito di segnalazione al “113” di una violenta aggressione in atto nei confronti di una donna, all’interno di un’abitazione, da parte di un uomo. Il personale di Polizia, prontamente intervenuto, ha constatato che la porta d’ingresso era stata danneggiata e gli arredi si presentavano in disordine, in quanto, poco prima, l’arrestato aveva fatto irruzione all’interno dell’abitazione, scardinandone la porta d’ingresso e aggredendo la vittima, verbalmente e fisicamente. La donna, dopo la rottura del rapporto sentimentale con l’uomo, era stata già vittima di un precedente episodio di violenza fisica e, più in generale, di pressioni, anche attraverso messaggi gravemente offensivi, da parte dell’ex compagno per indurla a riallacciare il rapporto. Tali condotte hanno provocato nella giovane vittima uno stato d’ansia perdurante e di preoccupazione, tale da obbligarla a mutare le sue abitudini di vita. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Palmi (RC), l’uomo è stato posto agli arresti domiciliari, in attesa del giudizio direttissimo nel quale l’Autorità Giudiziaria ha disposto, per i reati di violazione di domicilio aggravata, lesioni personali aggravate e per il reato di “stalking”, la misura cautelare del divieto di avvicinamento, prescrivendo allo stesso di non avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dall’ex fidanzata, vietandogli, altresì, di comunicare con la stessa con qualunque mezzo.