Novara di Sicilia: parte la campagna di raccolta fondi per la conservazione delle mummie

mummia_novara Si chiama “Restauriamo la Cripta del Duomo” la campagna di sensibilizzazione per la conservazione delle mummie di Novara di Sicilia.
Il piccolo centro in provincia di Messina, che fa parte del circuito dei borghi più belli d’Italia, si è messo in moto per proteggere un’altra meraviglia di cui è custode. La quattrocentesca Cripta della Chiesa Madre contiene infatti al suo interno 6 corpi umani, 74 teschi, casse funebri con ossa di prelati e persino due gatti mummificati. I reperti, invece, datano al Sette-Ottocento.
Il Comune e l’Arcipretura di Novara hanno chiamato a raccolta cittadinanza e visitatori, che possono contribuire attraverso 5 o 10 euro, ma anche un’offerta libera.
“Sono stati il lavoro e l’operosità di migliaia di persone a lasciarci un patrimonio storico, artistico e monumentale così grandioso – si legge nelle locandine affisse per le vie del paese – per questo, tutti, Novaresi, fedeli e visitatori, siamo chiamati a un atto di responsabilità”.
Il restauro verrà coordinato dall’antropologo Dario Piombino-Mascali, direttore del Progetto Mummie Siciliane. I corpi della cittadina erano già stati tema di un documentario di National Geographic, relativo al culto dei morti in Sicilia.