‘Ndrangheta: il calciatore Modesto investiva soldi in attività con i clan

LaPresse/Francesco Mazzitello
LaPresse/Francesco Mazzitello

LaPresse/Francesco Mazzitello

Sarebbero stati usati anche i soldi del calciatore di serie A e B, Francesco Modesto, per finanziare i vari prestiti usurai. Questi i particolari che  emergono dall’operazione “Laqueo” che ha portato in carcere gli esponenti delle cosche di Cosenza che avrebbero messo in piedi un imponente giro di usura. Ad utilizzare i soldi di Modesto, che nel suo passato calcistico ha giocato in diverse squadre quali Cosenza, Palermo, Ascoli, Reggina, Genoa, Bologna, Parma, Pescara, Padova e Crotone, sarebbe stato Luisiano Castiglia, suocero dello stesso calciatore. A svelare questi retroscena sono stati il collaboratore di giustizia Roberto Violetta Calabrese e un imprenditore vittima di usura. Secondo il contabile dell’associazione di ‘ndrangheta, in particolare, “Modesto era consapevole che il denaro consegnato al suocero veniva impiegato in attivita’ criminali e usuraie”. Tra i vantaggi avuti dallo stesso Modesto ci sarebbero stato anche dei lavori effettuati all’abitazione del calciatore da una ditta sotto usura che doveva saldare un debito.


Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...