Messina, lieto fine per un gruppo scout dispersi nel Parco dei Nebrodi

Lieto fine per un gruppo di scout scomparsi nel Parco dei Nebrodi: ritrovati dal Corpo di Vigilanza sette giovani dispersi

foto_scoutAvventurosa ma fortunatamente a lieto fine una escursione per  7 giovani ragazzi romani, appartenenti al gruppo Scout AGESCI “Roma 19”, di età compresa tra i 18 e i 21 anni, dispersi e rintracciati dal personale del Corpo di Vigilanza dell’Ente Parco dei Nebrodi. Gli scout, componenti di un gruppo di complessive 15 unità,  erano impegnati in un campo estivo nell’area protetta. Durante una attività esterna e, in fase di  ricongiunzione  al resto del gruppo,  nei pressi del lago “Urio Quattrocchi” , sito in agro del Comune di Mistretta,  i 7 giovani hanno malauguratamente smarrito il sentiero. Contattato telefonicamente il  responsabile del gruppo Scout, che a sua volta ha chiamato la Centrale Operativa del Corpo di Vigilanza, sono immediatamente scattati i soccorsi; grazie all’intervento della Centrale  veniva allertato il personale di vigilanza della Sede di Caronia che prontamente iniziava le ricerche. La pattuglia,  composta dal Comandante della Sede di Caronia Ispettore Giuseppe  Vinci e il G.P. Basilio Calantoni contattava telefonicamente gli scout, per avere alcune informazione determinanti per iniziare l’attività di soccorso. Dopo circa 4 ore di intense e difficili  ricerche anche a  causa dell’orografia del territorio nelle vaste località Sambuco, Cannella, Mastromario, Scorciavacche e Salomone, il personale del Corpo di Vigilanza, ritrovava in due diverse zone i sette dispersi. Verificata l’assenza di problematica di tipo sanitario ma solamente un pò di paura e stanchezza,  il Corpo di Vigilanza ha quindi provveduto a riaccompagnare il gruppo dei dispersi nel comune di Mistretta, dove ad attenderli vi era il resto del gruppo con il Capo Scout.