Memorial Ciccio Gatto: raccolti oltre 100 volumi da donare alla casa circondariale di Reggio Calabria

ARCHI_TEAMSi è svolto presso il campo dei calcio dell’Aquila di San Brunello la XV Edizione del “Memorial Ciccio Gatto” , l’appuntamento sportivo, organizzato con il patrocinio morale da parte della Presidenza del Consiglio Regionale della Calabria è stato promosso dall’associazione “Leonardo” e rientra nelle attività sociali promosse dal sodalizio studentesco presieduto da Serena Minniti relativamente alla raccolta di libri e volumi da donare agli istituti penitenziari del Comune di Reggio Calabria. Il torneo sportivo ha visto prevalere la squadra di Archi che ha vinto di misura ai rigori, grazie alle parate strepitose di Paolo Pensabene che ha impedito alla squadra capitanata da Gianfranco Nucera la vittoria nonostante i goal di Giuseppe Lamberti. La squadra di Archi capitanata da Domenico Catalano e grazie anche ai goal di Adriano Manzini ha potuto alzare il trofeo dopo una partita tiratissima ed incerta fino ai rigori. A margine della manifestazione la raccolta dei libri, oltre 100 raccolti dal consigliere comunale Enzo Marra e dal consigliere Metropolitano Antonino Castorina che saranno consegnati direttamente alla direttrice del carcere Maria Carmela Longo. Si è inteso afferma Castorina – rilanciare con forza, dentro importanti appuntamenti sportivi come quelli organizzati dall’Associazione Leonardo, e con la partecipazione del Forum Nazionale dei Giovani presente all’appuntamento con Francesco Laganà – una riflessione importante sul tema dei diritti negati che ci porterà ad essere presenti nelle carceri della nostra regione portando volumi e cultura per arricchire le biblioteche dei nostri istituti per consentire a tutti i detenuti di avere una “ finestra sul mondo”. Con l’Associazione Leonardo e di concerto con il Gruppo Carceri del Forum Nazionale dei Giovani afferma la giovane presidentessa “Leonardo” Serena Minniti proseguiremo con la raccolta di libri, testi e volumi per sostenere le biblioteche delle carceri e tenere sempre aperta quella finestra di cultura che deve essere presente in tutti i settori della nostra società, anche quelli spesso dimenticati.