Lazzaro (Rc), Crea: “i serpenti, topi e altri animali visitano le abitazioni di piazza Zagarella”

Lazzaro rettili (5)“Malgrado le nostre numerose segnalazioni i serpenti, topi e altri animali continuano a visitare le abitazioni di piazza Zagarella e di altre zone del paese, determinando scompiglio tra gli inquilini. Introno alle 15, 30 di oggi una ragazza abitante a  pochi metri dalla succitata piazza, mentre si trovava seduta davanti alla sua scrivania ha visto avvicinarsi  un serpente. E’ superfluo dire lo stato d’animo che si è registrato nella ragazza e nei suoi familiari. E’ stato richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco e dei Carabinieri di Melito di Porto Salvo che sono intervenuti prontamente.  C’è voluto  circa un’ora acché il personale dei Vigili del Fuoco riuscisse  ad individuare e mettere in sicurezza il serpente di oltre un metro  che si sarebbe  allocato nella libreria. Così hanno ridato tranquillità alla ragazza e ai suoi famigliari, che ringraziano i Vigili del Fuoco e le  Forze dell’Ordine, che spesso sono chiamati ad intervenire sul territorio di Lazzaro per rimuovere potenziali pericoli di varia natura. Ai ringraziamenti, facendomi interprete  si unisce  la popolazione di Lazzaro e la scrivente associazione”, scrive in una nota Vincenzo Crea, referente unico dell’Ancadic Onlus.

“Si deve rilevare - prosegueLazzaro rettili (7)- che nonostante la recente segnalazione di questa associazione  con la quale, oltre a potenziali pericoli e degrado, si sottolineava che la presenza di rifiuti di diversa tipologia, aveva favorito la proliferazioni di animali, topo, gatti, serpi, ecc.,  gli eventi estivi e i festeggiamenti civili in onore del Santo Patrono “Santa Maria delle Grazie” continuano sebbene la situazione sia immutata. Anzi si aggiungono nuovi pericoli in quanto sarebbe stato allacciato al contatore ENEL un cavo volante per l’erogazione di corrente elettrica alle precarie strutture, che prosegue per oltre 100 metri lungo il piede del rilevato stradale della ss 106 in mezzo alle sterpaglie, facilmente raggiungibile dalle numerose persone che siedono sul muretto di cemento per seguire i festeggiamenti.  Soni immaginabile – aggiunge- gli effetti in caso di incendio delle sterpaglie. Come è possibile che nessuno esegue controlli che garantiscano la sicurezza delle persone. Si segnala che dai buchi di drenaggio situati ai piedi del succitato rilevato stradale ove ricade il sopracitato muretto di cemento alcune persone hanno più volte visto uscire dei serpentelli. La domanda che ci poniamo: oggi la presenza della ragazza ha fatto sì che si notasse la presenza del serpente, ma quanti altri rettili o topi ci sono nelle nostre case e non ne sappiamo nulla?”, conclude.