Ecco il decreto per l’individuazione dei requisiti ai fini dell’equiparazione delle strutture organizzate per la sosta e il pernottamento di turisti all’interno delle proprie unità da diporto

porto di reggio calabriaDi seguito la copia dell’atteso Decreto 6 luglio 2016, del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, recante “Individuazione dei requisiti minimi ai fini dell’equiparazione delle strutture organizzate per la sosta e il pernottamento di turisti all’interno delle proprie unità da diporto ormeggiate nello specchio acqueo appositamente attrezzato alle strutture ricettive all’aria aperta”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, n. 179 del 2 agosto scorso.

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 6 luglio 2016

Individuazione dei requisiti minimi ai fini dell’equiparazione delle strutture organizzate per la sosta e il pernottamento di turisti all’interno delle proprie unita’ da diporto ormeggiate nello specchio acqueo appositamente attrezzato alle strutture ricettive all’aria aperta. (16A05560) (GU n.179 del 2-8-2016)

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Visto l’art. 32, comma 1, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133 e successive modificazioni, recante misure urgenti per l’apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, l’emergenza del dissesto idrogeologico e per la ripresa della attivita’ produttive; 00153 Roma – Piazza G. G. Belli, 2 Tel. 06.58.66.345-305 / Fax 06.58.12.750 C. F. 97021960584 web www.assonat.com e-mail segreteria@assonat.com Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 settembre 2002 di recepimento dell’accordo fra lo Stato, le regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sui principi per l’armonizzazione, la valorizzazione e lo sviluppo del sistema turistico in cui si rinvia a successivi provvedimenti emanati dalle regioni e dalle province autonome la definizione degli standard minimi per i servizi turistici ai fini dell’armonizzazione degli stessi sull’intero territorio nazionale; Visto l’art. 2, comma 193, lettera a), della legge 24 dicembre 2007, n. 244, che prevede l’adozione di un apposito decreto di natura non regolamentare del Presidente del Consiglio dei ministri, d’intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, per la definizione delle tipologie dei servizi forniti dalle imprese turistiche rispetto a cui vi e’ necessita’ di individuare caratteristiche similari e omogenee su tutto il territorio nazionale tenuto conto delle specifiche esigenze connesse alla capacita’ ricettiva e di fruizione dei contesti territoriali; Visto il decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 3 ottobre 2014, recante l’individuazione dei requisiti minimi ai fini dell’equiparazione delle strutture organizzate per la sosta e il pernottamento di turisti all’interno delle proprie unita’ da diporto ormeggiate nello specchio acqueo appositamente attrezzato alle strutture ricettive all’aria aperta; Ritenuto di dover procedere esclusivamente all’identificazione dei requisiti minimi che devono possedere le strutture organizzate per la sosta e il pernottamento di turisti all’interno delle proprie unita’ da diporto ormeggiate nello specchio acqueo appositamente attrezzato, per l’equiparazione alle strutture ricettive all’aria aperta; Acquisita l’intesa della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano nella seduta del 9 giugno del 2016; Acquisito il parere del Ministero dei beni e delle attivita’ culturali; Decreta: Art. 1 Requisiti 1. Sono stabiliti nell’allegato A, parte integrante del presente decreto, i requisiti minimi che le strutture organizzate per la sosta e il pernottamento dei turisti all’interno delle proprie unita’ da diporto ormeggiate nello specchio acqueo appositamente attrezzato, nell’ambito di idonee strutture dedicate dalla nautica, devono possedere per l’equiparazione alle strutture ricettive all’aria aperta. Il presente decreto e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana Roma, 6 luglio 2016 Il Ministro: Delrio 00153 Roma – Piazza G. G. Belli, 2 Tel. 06.58.66.345-305 / Fax 06.58.12.750 C. F. 97021960584 web www.assonat.com e-mail segreteria@assonat.com Allegato A 1. Posti barca. Area idonea ed attrezzata per consentire l’ormeggio in sicurezza ad un numero di unita’ da diporto non inferiore a sette. 2. Impianti. Impianto di comunicazione e di allarme in caso di emergenza; Impianto elettrico con colonnine appositamente attrezzate; Impianto di illuminazione; Impianto idrico; Impianto di rete fognaria tradizionale o forzata; Impianto di prevenzione incendi ai sensi della normativa vigente. 3. Servizi, attrezzature e impianti complementari. Vigilanza; Servizio assistenza all’ormeggio; Ascolto radio VHF; Recupero olii esausti e batterie; Pulizia ordinaria delle aree comuni; Raccolta e smaltimento rifiuti solidi e pulizia appositi recipienti; Installazioni igienico-sanitarie di uso comune; Cassetta di pronto soccorso ai sensi della vigente normativa; Erogazione acqua potabile; Dotazione di un punto reception; 4. Dotazioni e impianti nello specchio acqueo. Aspiratore acque nere di bordo; Individuazione numerica dei posti barca; Pulizia giornaliera specchio acqueo.