Devastante terremoto nel Centro Italia, il bilancio sale a 250 morti e 365 feriti [FOTO]

Terremoto Centro Italia, è una strage. Sale a 250 morti il bilancio delle vittime del sisma

LaPresse/Manuel Romano/NurPhoto

LaPresse/Manuel Romano/NurPhoto

Terremoto Centro Italia- Sale a 250 morti il bilancio delle vittime del terremoto in Centro Italia. E’ l’ultimo aggiornamento ufficiale del Dipartimento della Protezione Civile. Il numero dei feriti ospedalizzati e’ salito a 365. “Le operazioni di ricerca e soccorso proseguiranno fino all’esaurimento dell’attivita’ che saranno concluse fino a quando non si pensera’ che non si possano individuare persone coinvolte nei crolli“: lo ha reso noto la Protezione civile durante la conferenza stampa in corso a Roma. Prosegue l’assistenza alle popolazioni: stanotte a fronte di 3400 posti gia’ disponibili ne sono stati utilizzati 1200. I centri di assistenza Accumoli, Amatrice, Arquata e Monte Gallo (per le Regioni Lazio e Marche) si aggiungono i posti letto messi a disposizione dalla Regione Umbria, a Norcia innanzitutto e in altri 4 centri. Tra le macerie si e’ continuato a scavare senza sosta, e nelle tendopoli e nei centri di accoglienza allestiti tra Lazio e Marche e’ trascorsa la prima notte dopo il terremoto. Senza sosta, nonostante il buio, il lavoro dei Vigili del fuoco per recuperare eventuali superstiti sotto alle macerie. Un lavoro delicato che ha interessato tutto il cratere del sisma e nel quale sono impegnati 880 pompieri, con 250 mezzi.  Nelle zone la temperatura si e’ mantenuta su livelli accettabili anche la notte. Quasi tutti sono quindi riusciti a dormire, pur nelle sistemazioni di emergenza. “Sono stremati dalle scosse”, sottolinea uno dei soccorritori impegnati. “Abbiamo portato cibo e coperte a volonta’”, ha spiegato Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice. “Molti – ha aggiunto – sono stati quelli che hanno preferito cercare di dormire un po’ nelle loro auto”.

 

LaPresse/Manuel Romano/NurPhoto
LaPresse/Manuel Romano/NurPhoto
LaPresse/Manuel Romano/NurPhoto
LaPresse/Manuel Romano/NurPhoto