Cosenza: scoperto centro scommesse illegale, due denunce [FOTO]

Scoperto centro scommesse illegale a Cosenza: il responsabile ed il dipendente sono stati denunciati e rischiano la reclusione da sei mesi a tre anni

centro scommesse cosenza (3)La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Cosenza nel corso di una serie di controlli volti alla prevenzione e repressione del gioco illegale, ha scoperto una sala giochi presso la quale era possibile effettuare scommesse sportive per conto di allibratori esteri, senza alcun tipo di autorizzazione concessa dagli organi dello Stato. Quello che all’apparenza sembrava un punto di ritrovo, anche per soggetti di minore età, era in realtà un locale in cui venivano pubblicizzate quote di scommesse sportive, forniti moduli per compilare le proposte di giocate e raccolte e riscosse le puntate, nonché pagate le eventuali vincite in denaro. L’aumento dell’affluenza in occasione degli Europei di Calcio ha fatto sì che l’attenzione delle Fiamme Gialle cosentine si concentrasse sulla sala giochi, recentemente aperta al pubblico e localizzata in una nota località turistica della costa tirrenica della Calabria. I finanzieri si sono subito resi conto, effettuato l’accesso, che il titolare e un suo dipendente utilizzavano sia propri conti di gioco sia altri conti per compiere tutte le operazioni connesse alla raccolta delle scommesse violando l’art. 4 della Legge n. 401/1989 commi 1 e 4 bis che disciplina il reato di “Esercizio abusivo di attività di gioco o di scommessa”. Il responsabile ed il dipendente sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria e rischiano la reclusione da sei mesi a tre anni. Il materiale utilizzato per effettuare le giocate illegali, costituito da computer, stampanti termiche, programmi degli eventi sportivi e bigliettini dove annotare i codici degli avvenimenti sportivi su cui puntare, è stato sottoposto a sequestro al fine di evitare il protrarsi delle condotte illecite. Proseguono con intensità, da parte della Guardia di Finanza cosentina, i controlli volti a reprimere il fenomeno del gioco illegale e le sue interconnessioni con la criminalità organizzata.