Città Metropolitana, Raffa risponde a Falcomatà: “sono ancora il presidente in carica, se la prenda con Delrio”

Città Metropolitana, Raffa: “la 56 di Delrio è una legge liberticida antidemocratica e inconcludente. Se io sono ancora in carica la “colpa” non è mica la mia. Io faccio quello che la legge prevede”

RaffaCittà Metropolitana- Non si fa attendere la risposta di Giuseppe Raffa, presidente della Provincia di Reggio Calabria, alle dure dichiarazioni del presidente della Città Metropolitana e sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà. Noto con piacere – scrive su facebook Raffa- che Falcomatà è d’accordo con me. Anche lui ammette che la nostra sarà una anomala coabitazione. Ma su questo è inutile faccia finta di indignarsi davanti ai giornalisti: gli basterebbe alzare il telefono e chiamare il padre di questo pastrocchio che è l’assessore aggiunto della sua giunta nonché ministro Graziano Delrio.  La 56 di Delrio è una legge liberticida antidemocratica e inconcludente. Se io sono ancora in carica la “colpa” è la sua, mica la mia. Io faccio quello che la legge prevede. Se il PD non sa neppure scrivere una riforma non è un problema mio. Oltre tutto vorrei sapere – prosegue- cosa vuole da me esattamente Falcomatà, visto che io come Presidente della Provincia sono stato eletto dai cittadini mentre lui Sindaco Metropolitano lo è diventato d’ufficio. Pensavo che la mia presenza non gli fosse d’ingombro anzi ritenevo fosse una risorsa per lo stesso Falcomatà, perché credo che grazie all’esperienza amministrativa, dopo questi 5 anni avrei potuto trasferire un bagaglio di esperienze. Ho offerto pubblicamente la mia piena collaborazione istituzionale. Se viene rifiutata, non mi resta che prenderne atto ma non abboccherò all’amo di chi vuole farmi entrare in polemica. Io continuerò a occuparmi dei problemi dei cittadini e del territorio. Piaccia o non piaccia a chi non perde occasione per attaccarmi”, conclude.