25mo anniversario dell’uccisione del magistrato Scopelliti: “onorare la memoria puntando su educazione e cultura”

antonino scopelliti“Commemorare è importante, ma non basta più: per onorare la memoria delle vittime di mafia in Calabria e non solo è necessario l’impegno di tutti noi, cittadini e istituzioni in sinergia. Oggi è più che mai importante educare i più giovani, ma soprattutto gli adulti al bene e alla bellezza. Partecipare con gli esempi e la legalità è il modo migliore per formare generazioni di cittadini coscienti e in grado di dire “no” al compromesso mafioso” interviene così l’On. Rosanna Scopelliti (Ncd) in occasione della commemorazione del magistrato Antonino Scopelliti, barbaramente ucciso venticinque anni fa.  “Investire sulle bellezze di questa terra, valorizzarle, renderle fruibili e sottrarre in questo modo potere alla ‘ndrangheta, che vive e si alimenta di deficit culturale e di arretratezza” continua la deputata.  “Basta ricordare questa regione solo per le sue vittime, vorrei invece che risaltasse la capacità dei calabresi di reagire con orgoglio e operosità alla violenza della ‘ndrangheta. Il Governo sta facendo la sua parte, ora sta agli amministratori continuare a lavorare nei territori: la lotta conto le mafie si vince insieme”. “Sul caso Scopelliti – conclude la figlia – ultimamente la speranza che si possa avere verità e giustizia è più forte, grazie al rinnovato e meritoriamente silenzioso impegno dei magistrati della Procura di Reggio Calabria”.