Si è conclusa a San Gregorio D’Ippona l’estate ragazzi 2016 [FOTO]

San Gregorio (9)Si è conclusa giorno 17 luglio 2016 a San Gregorio D’Ippona l’estate ragazzi 2016: #tucredici…  L’idea di questo progetto, ormai giunto alla settima edizione, è partita dal vicesindaco Saverio Curello ed è stata appoggiata fortemente dal sindaco Michele Pannia e da tutta l’amministrazione comunale di San Gregorio d’Ippona. L’intera manifestazione è stata organizzata e portata avanti dai volontari dell’associazione “Arcobaleno” e da tanti altri ragazzi del paese che, pur non appartenendo agli enti promotori della  manifestazione, hanno deciso con tanto impegno di investire parte della loro “estate”  al fine  di contribuire a rendere questo evento unico e indimenticabile. Il tutto è stato preceduto da Diversi momenti di riflessione e di formazione a cui tutti gli animatori hanno partecipato con tanto impegno e amore; è stato seguito un corso per animatori nella parrocchia di mesiano e in piu sono stati fatti diversi incontri, ancora in corso, con Don Giuseppe Gagliano presso il centro sociale l’anello mancante; tutto incentrato sulla figura dell’animatore; credere, avere fiducia, fare squadra, avere amore per il prossimo, avere cura dei ragazzi ecc tutte caratteristiche che un animatore deve possedere per un ottimo lavoro di squadra; alcuni incontri sono stati dedicati anche alla tematica della manifestazione. Il tutto ha avuto inizio giorno 4 luglio presso il centro sociale “l’anello mancante” con formazione delle squadre, consegna magliette e avvio ufficiale alla manifestazione. A beneficiare di questo progetto sono stati i ragazzi dai 6 ai 13 anni del paese. Come affermato dal vicesindaco Saverio Curello  quest’anno c’è stato un incremento degli iscritti, siamo arrivati quasi a 150 partecipanti tra ragazzi e animatori, questo  dimostra la fiducia che le famiglie di San Gregorio ripongono nell’associazione “Arcobaleno” e in tutti noi. In questi giorni, continua Curello, si è creato un vero e proprio clima familiare tra tutti i presenti alla manifestazione, grandi e piccoli. Sono state due settimane animate tra canti , balli e tanto divertimento per i ragazzi: di mattina al mare tutti insieme e tra un bagno e l’altro si poteva assaporare il gusto dello stare insieme; tutte le sere dalla 18:00 alle 20:00 appuntamento presso il centro sociale del paese “l’anello mancante” dove i ragazzi venivano coinvolti in giochi di squadra, giochi culturali, caccia al tesoro e tanto altro divertimento. L’obiettivo di tale manifestazione è stato quello di insegnare, giocando, una vita sociale migliore con la possibilità per i ragazzi di stare bene in gruppo, socializzare, scambiarsi idee e opinioni ma soprattutto competere in maniera sana accettandosi per come si è con pregi e difetti. Tutti i volontari sono orgogliosi e fieri di aver portato a termine questa avventura che in realtà è stata impegnativa ma il risultato finale ha ricompensato di ogni sacrificio fatto, regalando soddisfazioni che sono andate al di là di ogni aspettativa. Quest’anno, come affermato dalla presidente dell’associazione Arcobaleno Maria Grazia Pannia, la Tematica della manifestazione è stata: credere in se stessi, in quello che si fa, autostima: credere di potere per riuscire… il tutto ispirandoci al cartone animato “Kung fu panda”

Kung Fu Panda è San Gregorio (13)uno dei  tanti film che descrivono in maniera magistrale il vissuto contraddittorio e turbolento di un adolescente,Il protagonista  è un goffo panda che viene designato dalla sorte per diventare niente meno che il Guerriero dragone, cioè il più grande maestro di Kung Fu. Un destino grande, al quale però non crede quasi nessuno: né il panda, né il suo maestro, né i compagni di battaglia. Solo suo padre adottivo riesce ad accendere in lui la speranza di potercela fare, quando gli svela quello che da sempre gli aveva promesso di rivelargli, ossia l’ingrediente segreto della zuppa  dicendogli:“L’ingrediente segreto è niente. Non esiste un ingrediente segreto. Non serve. Per rendere una cosa speciale devi solo credere che sia speciale”.Da quel momento Po si rende conto che la forza per diventare il Guerriero dragone la può trovare solo dentro di sé: è lui stesso, la sua ricchezza, la sua unicità. Quando si parla  di identità  dei ragazzi si intende  il momento più importante della loro vita di adolescenti , quello in cui ognuno si rende conto che non c’è mai stato, né mai ci sarà un’altra persona uguale ad ognuno di loro: ogni individuo è  unico e la sua  ricchezza consiste proprio nella unicità e non nel voler assomigliare a qualcun’ altro. Si tratta di un cartone  retto da molteplici sfaccettature morali:1) ognuno di noi ha i suoi punti deboli,ma ha anche i punti di forza. Bisogna far leva sui propri punti di forza in modo da trasformare i punti deboli in punti di forza. 2) non bisogna essere schiavi del proprio passato ma non bisogna dimenticarlo quando si vive il presente. Allo stesso tempo bisogna vivere il presente senza farsi troppe aspettative per il futuro. 3) bisogna accettare le diversita’ e pensare che la saggezza si raggiunge proprio quando si riescono ad interiorizzare le diversita’ altrui. 5) ogni persona e’ speciale,non ne esiste una piu’ speciale. 6) avere fede in Dio non significa nient’altro che avere fiducia in se stessi. In programma c’è stata una giornata dedicata alla piscina e un’altra alla visita della fattoria didattica di reggio calabria Cetty’s house che ha visto coinvolti i ragazzi piu piccoli i quali hanno potuto riscoprire il passato attraverso un percorso storico animato .Per i piu grandi è stata organizzata una gita “fuori porta” con visita alla citta di Lecce, Ostuni e infine allo zoo safari a fasano. Molto gradita è stata la serata con le famiglie in cui sono stati organizzati giochi canti e balli tutti insieme grandi e piccoli; in programma anche una giornata intera con i ragazzi dalle 10 alle 18 con pranzo insieme grazie alla collaborazione dei genitori che sono stati vicini all’associazione con tanto amore.

Giorno 17 luglio si è svolta la seraSan Gregorio (7)ta conclusiva in cui, prima di decretare la squadra vincitrice,ogni squadra si è cimentata in scenette, canzoni e balli incentrati sulla tematica della manifestazione.  L’obiettivo che gli animatori si sono posti per questa prova finale è stato quello di mettere alla prova, in senso positivo, tutti i ragazzi in modo da capire la loro abilità ad organizzarsi in gruppo,a condividere le proprie difficoltà e a fare squadra nel vero senso della parola. La serata conclusiva ha visto partecipi anche i genitori dei ragazzi rappresentando, quindi, un momento di ritrovo per tutti: grandi e piccoli. La serata si è conclusa con la premiazione della squadra vincitrice, suscitando tanta gioia e soddisfazione tra i suoi componenti. Un ultimo saluto è stato fatto da tutti i volontari dell’associazione Arcobaleno che hanno dichiarato: “lavorando in gruppo si può apprendere e migliorare tanto, non conta chi perde  o chi vince l’importante è stare insieme, divertirsi e condividere idee e pensieri”. Infine hanno invitato tutti i cittadini ad essere più partecipi e ad avvicinarsi sempre più numerosi alle attività dell’associazione perché l’impegno di ognuno di noi è indispensabile per tutta la comunità. Un ringraziamento particolare va a tutti i ragazzi del paese che sono stati  i veri protagonisti del progetto. Per concludere il vicesindaco Saverio Curello soddisfatto ha dichiarato:  da sette anni continua la riprogrammazione dell’evento estate ragazzi appuntamento estivo consolidato per l’amministrazione Comunale atteso da tutti i ragazzi di San Gregorio, il tutto reso possibile grazie all’impegno dell’associazione Arcobaleno e ai numerosi volontari. La connotazione ludica dell’evento ci aiuta ogni anno a programmare iniziative sociali per i giovani coinvolgendoli  in progetti educativi e socio-pedagogici. Il successo della manifestazione, che ogni anno vede la sempre più ampia partecipazione dei ragazzi e delle loro famiglie lascia ben sperare, visti i risultati raggiunti, ad un impegno di continuità dell’evento da parte dell’amministrazione Comunale per il 2017.