Riaperta al transito la strada Villamesa–Calanna–Mulini chiusa per frana [FOTO]

strada calanna (4)Riaperto al transito il collegamento viario Villamesa – Calanna – Mulini, interrotto da una frana che, negli anni scorsi, ha interessato la S.P. 75.
La Dirigente del Settore Viabilità e Trasporti della Provincia, ing. Domenica Catalfamo con Ordinanza n. 19 del 21\07\2016 ha disposto, infatti a conclusione dei lavori la riapertura della strada provinciale.
Presenti al momento della riapertura il Presidente della Provincia Giuseppe Raffa con il responsabile del procedimento geometra Domenico Scordo, il Sindaco di Calanna Domenico Romeo con il Vice Sindaco D’Agostino, l’Assessore Mazzacua e i Consiglieri Princi e Fiumanò, il Comandante della stazione carabinieri di Calanna maresciallo Fallanca, il direttore dei lavori ing. Rocco Furfari e l’impresa esecutrice dei lavori Poliedil s.a.s.

Non hanno voluto mancare, a voler rafforzare la forte sinergia tra le amministrazioni comunali dell’area, il Sindaco di San Roberto e Presidente dell’associazione dei Comuni dell’Area dello Stretto Vizzari Roberto, il Sindaco di Sant’Alessio Calabrò Stefano, il Sindaco di Laganadi Cannizzaro Giuseppe e l’Assessore di Santo Stefano in Aspromonte Coppola Diego.

strada calanna (3)Il ripristino dell’arteria ha previsto, con un investimento complessivo di 550.000 euro di fondi provinciali, la messa in sicurezza del versante in frana mediante la realizzazione di opere di sostegno e protezione: un muro di sostegno in “terre rinforzate” per il contenimento del terreno interessato alla frana; un sistema di smaltimento delle acque provenienti delle opere di drenaggio; la sistemazione dell’area di sottostrada con la rimozione del materiale franoso e il terrazzamento con muri a secco; il ripristino della piattaforma e la pavimentazione stradale; l’installazione di guard-rail, il rifacimento della segnaletica e il ripristino dei parapetti in calcestruzzo esistenti fino al centro abitato di Calanna.

La mia presenza – afferma Raffa – alla riapertura della strada vuole essere la testimonianza dell’impegno della Provincia nel settore della viabilità. Le strade sono la precondizione dello sviluppo del territorio e, ovviamente, un freno all’abbandono delle aree interne, che, però, come Calanna, hanno una ricca storia e tradizione. Ci sono, infatti, dei patrimoni storico – archeologici e culturali a Calanna importantissimi e da salvaguardare e noi, come Ente, abbiamo fatto di tutto, pur tra mille difficoltà ed imprevisti, in corso di progettazione e realizzazione, per aiutare questa realtà.

Il Sindaco Romeo afferma “Sono sollevato per la fine di una grave situazione che ha reso inaccessibile Calanna dalla strada Gallico – Gambarie costringendo i concittadini a percorsi alternativi tortuosi e lunghi per raggiungere il capoluogo e penalizzando i visitatori che hanno voluto essere presenti a Calanna alle numerose iniziative culturali e di intrattenimento organizzate dall’Amministrazione Comunale oltre che visitare i ns. siti storico archeologici quali la Necropoli e i resti del Castello Normanno – Bizantino. Doveroso ringraziare il Presidente Raffa per la costanza e la serietà della sua azione ed impegno a favore dell’intervento e l’attenzione al territorio mantenuta alta dai primi giorni successivi all’evento franoso fino ad oggi ed al Cons. Reg. ed ex Cons. Prov. Francesco Cannizzaro che, fin dal suo ingresso in Provincia avvenuto nel 2012, ha voluto e saputo spendersi fattivamente per la causa della ns. Comunità rendendosi promotore e parte attiva di numerosi incontri e sopralluoghi con gli Uffici Provinciali per l’avvio ed il completamento dell’opera e per il miglioramento nel contempo, grazie ad interventi di messa in sicurezza e bitumazione, delle altre strade provinciali di collegamento con Reggio Calabria e, da ultimo per i cartelloni turistici di benvenuto installati dalla Provincia agli accessi del Comune”.
Ma il ringraziamento più grande, sentito e meritato il Sindaco Romeo vuole rivolgerlo alla Comunità Calannese che “con orgoglio, dignità, matura pazienza e rispetto civico hanno saputo far fronte a tutti i notevoli disagi che però oggi, una volta superati, ci portano a gioire insieme ed a guardare al futuro del ns. comune con rinnovata speranza”.