Reggio Calabria: tasse comunali e abusivismo commerciale al centro dell’incontro in Confcommercio [FOTO]

Tasse comunali e abusivismo commerciale al centro dell’incontro in confcommercio: comune di Reggio Calabria accoglie la proposta del tavolo tecnico permanente

thumbnail_IMG_6122Chiedono sorveglianza costante, giornaliera e per tutto l’anno i commercianti ambulanti autorizzati di piazza del Popolo. Chiedono e pretendono che il Comune non li lasci soli in mezzo all’abusivismo dilagante e di ogni genere. Chiedono soluzioni concrete e non belle parole, vogliono ritrovare la fiducia, ormai da anni persa, nell’amministrazione comunale. Lamentano di essere stati lasciati soli, soli nelle mani di Reges, Equitalia e Agenzia delle Entrate dove versano le annose tasse e non hanno garantito nessun servizio, in primis quello dell’igiene (bagni chimici nello specifico).  Chiedono tasse più eque da poter pagare tutti affinchè nessuno resti nell’illegalità. Un problema che si è trasformato in emergenza sociale e affrontato questo pomeriggio in Confcommercio alla presenza di operatori commerciali delle aree pubbliche a cui hanno presenziato, tra gli altri, l’assessore comunali Giovanni Muraca (Legalità – Sicurezza – Coesione sociale –Polizia locale), il consigliere comunale Nicola Paris e il Dirigente ufficio Attività economiche e produttive Francesco Barreca. Una riunione operativa coordinata dal Presidente di Confcommercio Reggio Calabria, Giovanni Santoro, e dal Direttore provinciale Marisa Lanucara che si è conclusa con la proposta dell’Associazione di categoria di un tavolo tecnico permanente. Un faccia a faccia con l’amministrazione per cercare delle risposte alle tante domande che attanagliano il settore ambulanti. Un settore che da anni lotta al ripristino della legalità come conferma Francesco Meduri di FIVA (Federazione italiana venditori ambulanti) Confcommercio Reggio Calabria. Lo stesso ha evidenziato come siano passati anni “in cui non è stato fatto niente per quella zona, nessun cambiamento tranne qualche episodio sporadico.

Una situazione di degrado continua, ci voglthumbnail_IMG_6115iono maggiori controlli e non una volta ogni due anni. Siamo stanchi e vogliamo delle risposte concrete”. Sulla stessa lunghezza d’onda i commercianti che giornalmente, ormai da anni e sfiduciati, vivono la piazza. Una piazza del Popolo piena, ma solo di abusivi. Basta pensare che negli ultimi anni si è passati da 116 a 27 autorizzati regolari. Si pensa anche a delle linee guida da poter intraprendere per andare incontro ai commercianti e non solo. Per Bruno Quattrone della FIVA Confcommercio si potrebbe pensare, prendendo in esempio i Comuni di Gioia Tauro e Palmi, “una Tosap settimanale avendo così un mercato più controllato, dal 1 gennaio al 31 dicembre, operatori ‘contenti’ del pagamento dilazionato e il Comune fa cassa”. Per i vertici di Confcommercio è un lavoro sociale che necessita un tavolo tecnico permanete, proposta accolta dai rappresentanti comunali, affinché si risolvi e si tenga sotto controllo il problema. Un tavolo che si riunirà ogni dieci giorni e vedrà seduti Confcommercio, Comune e gruppo di lavoro (sarà composto da commercianti delle varie aree mercatali). Non ha promesso niente ma ha fatto sue le richieste avanzate durante l’incontro l’assessore comunale Giovanni Muraca: “Nel giro di qualche giorno verrò personalmente a costatare la situazione di piazza del Popolo e attuare parte dei punti esposti quest’oggi”. Adesso si aspettano risposte concrete per ripristinare un’area mercatale ormai da troppo tempo abbandonata a se stessa.