Reggio Calabria, la cultura della pesca a Bagnara raccontata da Carmine Laurendi

Carmine Laurendi, autore dei libri “Ti penzu notti e jornu Bagnara” e “Ogni cosa cu’ so’ tempu” riflette sulla cultura della pesca a Bagnara con un componimento

Pescatori-lampedusaLo scrittore Carmine Laurendi è nato a Scilla nel 1987 e vive a Bagnara Calabra. Negli ultimi due anni ha pubblicato il libro “Ti penzu notti e jornu Bagnara” (2015) e Ogni cosa cu’ so’ tempu (2016). A giugno 2015 vince il 1° premio al concorso poetico “Promozione del territorio” di Bagnara Calabra. Scrive: “Intorno alla pesca che è una realtà importante dal punto di vista economico, a Bagnara si sarebbe dovuta sedimentare nei giovani una cultura che dovrebbe caratterizzare il “Bagnaroto”. Invece questa attività è stata trascurata e ha galleggiato per anni nell’ignoranza. Sono rammaricato per il fatto che la pesca andrebbe considerata il fulcro dell’economia bagnarese e invece è stata sminuita e sottovalutata anche dalle persone che ne avrebbero tratto beneficio. Un risultato della noncuranza della pesca è stato la riduzione del turismo e la fine delle attività che stimolavano questo paese. Bagnara grazie a Dio, paesaggisticamente sprigiona una bellezza inestimabile e ha tutte le potenzialità per poter rinascere in qualsiasi momento e mi auguro che le persone competenti prendano a cuore la mia provocazione e si rendano conto che bisognerebbe puntare su una mentalità vincente”.

A tal proposito l’autore ha ideato un componimento poetico per raccontare questa realtà reggina:

I piscaturi i Bagnara
 
I piscaturi i Bagnara
no’ furu mmai cunsiderati,
lavuraru notti e jornu
e no’ furu mmai privilegiati,

a vita r’u mari,
‘esti na vita ri cani,
si cumbatti tutti i jorna 
mi si porta a casa n’pezzu i pani;

na vota ‘nveci….
’mbuscavunu i dinari,
ma cu tanti sacrifici 
e c’u so’ sapiri parrari,

pe’ piscaturi…
no’ nc’erunu festi,
no’ nc’era casa,
e mancu u passiari,
nc’erunu sulu sacrifici 
a menzu ô mari.

A mari no’ s’avi mmai paci 
e mancu trhanquillità
si riposunu ndi na tavula i lignu 
aundi s’i mangia l’umidità.

Purtroppu a genti ’nviriusa
chi sta vita na vozi provari,
nci cuntava n’prima i ricchizzi
e apoi si mentiva a criticari,

ndo passatu cchiù d’unu 
i vozi veramenti mali,
e così ficiru a piscispatara 
na pisca illegali,

si nd’approfittaru i l’ignoranza 
e ra massima ’ngenuità,
e distrhuggiru na pisca,
chi portava beneficiu nda città.

Carmine Laurendi