Reggio Calabria: incontro formativo su “social marketing, social selling, e-commerce” per giovani imprenditori

160716_da sx_marra_furfaro_quattrone_riccio_vinciLa sala convegni di Confindustria Reggio Calabria ha ospitato l’evento formativo dedicato al  “Social Marketing, Social Selling, E-commerce – Strumenti digitali per la crescita delle aziende”, rivolto a giovani industriali e professionisti, per far capire attraverso esempi pratici e di successo come l’utilizzo di strumenti ‘social’ sia necessario per rafforzare il brand e agevolare le vendite sui mercati internazionali. L’appuntamento è stato promosso da Unicredit, nell’ambito delle attività dello “SportelloImprendiReggioCalabria” sostenuto dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Reggio Calabria in collaborazione con il Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia dell’Università Mediterranea, con l’obiettivo di ampliare le conoscenze digitali, e specificamente sui social network, tra gli associati.

Ad aprire i lavori sono stati il presidente Gruppo Giovani Imprenditori Reggio Calabria Samuele Furfaro e il referente territoriale per l’Agroalimentare Giuseppe Quattrone. “Oggi realizziamo un’occasione di confronto sulle nuove tendenze del mercato – ha affermato Furfaro – che rappresenta un arricchimento per tutti, sia per le start up che per le aziende più tradizionali che hanno necessità di farsi conoscere in Italia e all’estero. L’invito alla formazione è fondamentale in questo ambito in cui ci si deve muovere con competenza e consapevolezza per aprirsi a nuove opportunità e migliorare l’engagement di nuovi clienti. Ritengo sia fondamentale che nelle aziende sia presente personale qualificato che sappia come e quando comunicare efficacemente”. A sottolineare la valenza strategica dell’utilizzo di nuovi canali comunicativi anche Quattrone: “Nel comparto agroalimentare, che rappresento in Confindustria, essere sui social permette la mappatura delle esigenze del mercato ed un’analisi puntuale delle abitudini dei nuovi consumatori. L’utilizzo di strumenti alternativi – ribadisce Quattrone – può far da volano per lo sviluppo in una regione come la nostra che, ancora, fa registrare trend di crescita negativi.  Le aziende devono saper cogliere questa sfida rispetto a quelli che tra pochi anni, probabilmente, saranno gli unici canali di informazione”.

La parte prettamente formativa dell’evento è stata affidata al  referente territoriale di Confindustria per il Terziario Innovativo e ICT di Unindustria Calabria Angelo Marra, promotore dell’iniziativa. “Il tema del commercio elettronico collegato all’utilizzo dei social network – ha spiegato – è fondamentale nella nostra epoca laddove colossi come Amazon, che ha fagocitato tantissime realtà, intervengono sul processo di vendita tradizionale imponendo un cambiamento ormai irreversibile. Ma anche l’e-commerce è soggetto a veloci mutamenti che è bene saper leggere e anticipare. Gli utenti del web oggi comunicano maggiormente sui social a scapito di Google e dei motori ricerca. Questo ha modificato l’approccio stesso alle vendite. Ne consegue la necessità di stimolare l’attenzione su tali dinamiche e di capire quanto e in che direzione può crescere il mercato”.

Il focus sul mercato alimentare e sui nuovi modelli di e-commerce per vendere prodotti tipici, è stato aperto da Daniele Vinci e Salvino Fidacaro, della Bizzwai Italian Food Store. Sono state approfondite le opportunità per i piccoli imprenditori offerte dai marketplace: “La possibilità di aggregarsi in un’unica piattaforma può costituire un vantaggio competitivo notevole per le realtà di dimensioni minori che rischiano di essere schiacciate sul web dalle grosse multinazionali o da brand più forti” spiegano i guru della start-up verticale, definita come “italian grocery marketplace”, che si propone come sistema per comprare e vendere cibo online.  Illustrate le strategie e i percorsi da seguire per farsi conoscere e, nel caso dei prodotti tipici, di “offrire servizi o stimoli emozionali che rimandano ai prodotti”.

A chiudere l’evento è stato Antonio Riccio, Stakeholder & Territorial Development Region Sud UniCredit Italia, che ha introdotto il video-seminario in diretta streaming in tutta Italia del manager di H-Farm Giorgio Sacconi. “Questa è l’ennesima tappa di un percorso che Unicredit ha intrapreso da un biennio per migliorare il rapporto tra imprese e internazionalizzazione – sostiene Riccio -  scegliendo di fare formazione gratuita su tematiche altamente strategiche con relatori d’eccezione e favorendo, al contempo, il confronto tra imprenditori in collegamento dalle altre aree del Paese. È necessario capire come concretizzare l’internazionalizzazione traverso adeguate professionalità e un approccio ed un nuovo passo adeguato ai nuovi strumenti. Se si vuole fare e-commerce e non si cura la vetrina digitale – conclude Riccio –  si può anche avere un ottimo prodotto ma l’interlocutore che è in Olanda o in Germania non sarà in grado di percepirne le peculiarità”.