Reggio Calabria, 48enne arrestato per tentata estorsione nei confronti dei fratelli

La Polizia di Stato arresta un 48enne residente a Rosarno per tentata estorsione nei confronti dei fratelli

arresti poliziaNel pomeriggio del 12 u.s., personale del Commissariato di P.S. di Gioia Tauro, con la collaborazione degli uomini del Reparto Prevenzione Crimine di Siderno, ha tratto in arresto per tentata estorsione ASCONE Girolamo, 48enne, residente a Rosarno. Questi i fatti. La Polizia di Stato, in servizio di controllo straordinario del territorio nell’ambito del piano Focus ‘ndrangheta” , tempestivamente interveniva nella periferia sud di Rosarno per sedare una lite tra familiari. Dopo aver riportato la calma, gli Agenti accertavano che i partecipanti alla lite erano quattro fratelli che, con diversi incarichi e mansioni, lavoravano presso la ditta di famiglia, con sede legale a San Ferdinando. L’arrestato, dedito all’uso di sostanze stupefacenti ed alcooliche, pur lavorando quale semplice dipendente, era solito richiedere ai suoi tre fratelli continue somme di denaro per soddisfare le sue esigenze. Nella circostanza, i tre fratelli, esasperati dalle pressanti e sempre più crescenti richieste effettuate dal quarto fratello, lo accontentavano solo parzialmente. Di qui la reazione dell’arrestato e le violente minacce, di chiara natura intimidatoria, inviate ad uno dei fratelli tramite messaggio telefonico, per manifestare l’intenzione di far saltare in aria il capannone della ditta di famiglia se non fosse stato soddisfatto nella sua ennesima richiesta. L’accertamento di tutte queste circostanze consentiva agli Agenti della Polizia di Stato di trarre in arresto l’ASCONE in flagranza del reato di tentata estorsione nei confronti dei tre familiari. D’intesa con l’A.G. competente, l’arrestato veniva associato presso la Casa Circondariale di Palmi.