Reggio Calabria, 35enne tedesca in vacanza con 3 minorenni accusa un malore: famiglia soccorsa dai Carabinieri

Reggio Calabria: i carabinieri hanno soccorso una famiglia tedesca in vacanza

carabinieri1Il 12 luglio 2016, alle ore 01.30 circa, a seguito di richiesta al numero di pronto intervento pervenuta presso la Centrale Operativa, una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Villa San Giovanni è intervenuta alla frazione Cannitello di quel comune per prestare soccorso ad una famiglia tedesca. In particolare una donna 35enne, in compagnia dei rispettivi figli, di anni 17 e 11, e della nipote di appena 1 anno, sul territorio italiano per turismo diretti in Sicilia, a bordo di un’autovettura ha dovuto interrompere improvvisamente la marcia poiché accusava un malore. Immediatamente sono stati attivati i soccorsi e la donna è stata trasportata da personale sanitario del 118 presso il pronto soccorso degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria per le cure del caso mentre i tre minorenni, rimasti soli e visibilmente provati per l’accaduto nonché spaesati – anche perché non conoscevano la lingua italiana –, sono stati prontamente presi in custodia dai militari dell’Arma già presenti sul posto e accompagnati presso i locali della vicina Compagnia Carabinieri di Villa San Giovanni, dove sono stati rifocillati e tranquillizzati. Successivamente con il supporto del personale del locale Comando di Polizia Municipale, sono stati allertati i competenti servizi sociali, attraverso i quali si è provveduto a trovare una temporanea adeguata sistemazione alloggiativa. Nel pomeriggio i minori sono stati restituiti all’affetto della madre/nonna che nel frattempo, dopo le cure e gli accertamenti del caso, è stata dimessa dall’ospedale essendole stato diagnosticato solo un lieve malore probabilmente dovuto alla stanchezza. Per i 3 piccoli turisti si è trattato di una notte sicuramente travagliata, certamente da dimenticare, ma conclusasi con un lieto fine anche grazie all’intervento dei militari dell’Arma ed alle loro amorevoli cure.