Palermo: pistole e centinaia di munizioni nascoste tra le carote, un arresto

Palermo, centinaia di munizioni nascoste tra le carote: arrestato Domenico Farina, con l’accusa di detenzione e porto abusivo di armi

polizia-800x600Due pistole e centinaia di munizioni nascoste tra le carote: con l’accusa di detenzione e porto abusivo di armi la Squadra mobile di Palermo, diretta da Rodolfo Ruperti, ha arrestato Domenico Farina, 58 anni, noto alle forze dell’ordine. L’uomo è stato notato dai Falchi della sezione Contrasto al crimine diffuso ieri pomeriggio mentre usciva da una palazzina del quartiere Borgo Vecchio con una busta in mano. Dopo essersi ripetutamente guardato attorno Farina è salito su uno scooter e si è allontanato. I poliziotti, insospettiti dal suo atteggiamento, hanno deciso di seguirlo, ma non appena si è reso conto della loro presenza il 58enne ha accelerato improvvisamente, tentando di sottrarsi a un eventuale controllo: ne è scaturito un inseguimento culminato nei pressi di piazza Campolo, dove l’uomo è stato bloccato e immobilizzato dagli agenti. Nella busta gelosamente custodita da Fontana i poliziotti hanno trovato, sotto un consistente quantitativo di carote, avvolte in alcune pezze, due pistole e centinaia di cartucce di diverso calibro, nonché due caricatori. Dagli accertamenti è risultato che una delle due armi e il relativo munizionamento erano stati rubati, l’altra era invece priva di matricola. Per Farina sono scattati l’arresto per detenzione e porto illegale di armi e la denuncia per ricettazione.