Palermo: dopo Orlando anche Amat, Rap, Reset e Sispi querelano il deputato Nuti

A Palermo, dopo il sindaco Orlando, anche i presidenti di Amat, Rap, Reset e Sispi querelano il deputato Riccardo Nuti

riccardo-nutiAnche Amat, Rap, Reset e Sispi querelano il deputato nazionale Riccardo Nuti, appartenente al movimento di Beppe Grillo, accusato di aver definito le aziende partecipate del comune di Palermo come “piene di delinquenti”.”La politica ha il dovere di svolgere un ruolo di indirizzo e controllo, anche critico, sull’operato delle aziende comunali – dichiarano i presidenti in una nota congiunta – ma certamente non si puo’ scadere in generalizzazioni e offese che altro non fanno che colpire quelle migiaia di lavoratori che con serieta’ e professionalita’ svolgono il proprio lavoro e forniscono servizi alla citta’ e ai cittadini“. Già il sindaco Leoluca Orlando aveva comunicato di aver mandato all’Avvocatura comunale la querela nei confronti di Riccardo Nuti. Il Parlamentare commentando una foto che ritrae Orlando con il sindaco De Magistris, quello di Messina Renato Accorinti e Salvatore Borsellino, nell’anniversario della strage di via D’Amelio, aveva scritto sul Social network:”Orlando non rappresenta per nulla una seria lotta alla mafia o una rottura del sistema di potere a Palermo. Il palermitano sa che in questi decenni molte partecipate piene di delinquenti sono state create da lui. La mafia in questi decenni ha trovato nel comune di Palermo un luogo nel quale fare i suoi sporchi interessi