Categoria: CALABRIAEDITORIALINEWS

‘Ndrangheta, maxi sequestro alla cosca Grande Aracri

‘Ndrangheta: la Dia di Bologna ha effettuato un maxi sequestro ai danni di Francesco Grande Aracri

La Direzione Investigativa Antimafia di Bologna ha confiscato beni mobili ed immobili, per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro, a Grande Aracri Francesco, sessantaduenne pregiudicato, originario di Cutro (KR) ma residente a Brescello (RE). Nello specifico, in esecuzione dell’ordinanza di sequestro e confisca emessa dalla Corte D’Appello di Bologna, su conforme proposta della Procura Generale che ha condiviso l’esito degli accertamenti esperiti dalla D.I.A., sono stati sequestrati e confiscati, oltre a diversi rapporti finanziari, n. 20 immobili, n. 6 società e n. 2 automezzi. All’attività operativa hanno partecipato anche militari della Guardia di Finanza di Reggio Emilia. Grande Aracri Francesco, trasferitosi nel 1987 a Brescello, dove ha svolto attività d’impresa nel settore edile, è fratello del più noto Nicolino, quest’ultimo al vertice dell’omonima cosca, i cui presunti affiliati risultano oggi imputati nel noto processoAemilia”. Lo stesso, nel tempo, è stato coinvolto in diverse vicende penali, riportando, tra l’altro una condanna, divenuta definitiva nel 2008, per associazione mafiosa. Nella sentenza dell’epoca, a suo carico, si legge tra l’altro che “sovrintendendo e dirigendo l’attività dei correi, a una associazione mafiosa, il clan Grande Aracri, operante in Reggio Emilia e provincia, dedita alla consumazione di estorsioni in danno di esercizi pubblici e privati e imprenditori nonché alla emissione di fatture per operazioni parzialmente o totalmente inesistenti nei confronti di imprenditori edili…dirimeva le controversie insorte, garantendo l’intervento associativo in caso di illeciti commessi ai danni di persone protette dal clan”. Per l’odierna attività operativa si è fatto ricorso alla disposizione normativa prevista  dall’art. 12 sexies della L. 356/92, che prevede il sequestro e la confisca dei beni riferibili a soggetti condannati in via definitiva, per particolari reati, sul presupposto dell’accertata rilevante sproporzione tra la ricchezza accumulata ed i redditi dichiarati nel corso degli anni.

Articoli recenti

Calabria: incontro tra il presidente Oliverio e le compagnie aeree

Mario Oliverio ha introdotto l'incontro convocato per illustrare le proposte contenute nella bozza di Bando sulle misure di aiuto per…

13 dicembre 2018 20:46

Messina, al Papardo torna la “Giornata della trasparenza” [INFO UTILI]

Anche il Papardo di Messina aderisce alla Giornata della trasparenza 2018: gli utenti potranno con un click potranno conoscere più…

13 dicembre 2018 20:30

Vittoria casalinga per gli Svincolati Milazzo: la capolista batte il Palermo Basket

Gli Svincolati Milazzo vittoriosi in casa: continua il primato solitario in classifica, schiacciante vittoria contro il Palermo Basket Grande prestazione…

13 dicembre 2018 20:21

Milazzo: la Giunta approva il progetto per la messa in sicurezza di Vaccarella

Via libera alla massa in sicurezza del rione Vaccarella a Milazzo: il progetto esecutivo prevede il ripristino dei cunettoni di…

13 dicembre 2018 20:11

Ennesimo successo per l’Annona di Reggio Calabria [FOTO]

A meno di una settimana dalla Mostra Internazionale del gelato ennesimo successo dell'Annona di Reggio Calabria Cinque scuole alberghiere che…

13 dicembre 2018 20:06

Parrucche gratis per le donne che combattono il cancro: parrucchieri in Sicilia a lavoro per l’iniziativa di Assoacconciatori

L'iniziativa coinvolge decine di parrucchieri in tutta la Sicilia e trova il suo punto di riferimento in Salvo lo Coco,…

13 dicembre 2018 20:03