‘Ndrangheta, la struttura segretissima che coordinava le attività della mafia reggina

carabinieri  (4)La struttura occulta individuata dalla Dda di Reggio Calabria e dai carabinieri curava il coordinamento delle operazioni del sistema criminale complessivo comprendendo non solo la ‘Ndrangheta ma anche Cosa nostra, Camorra e Sacra corona unita. E’ quanto evidenziano gli inquirenti che attribuiscono alla struttura anche il ruolo di “definire le strategie criminali di massimo livello” per “estendere il programma criminoso negli ambiti di maggiore interesse, con particolare riferimento a quelli informativi, imprenditoriali, economici-finanziari-bancari, amministrativi – politici – istituzionali” interferendo, in questo ultimo caso, con “enti pubblici locali territoriali e singoli membri di organi politici di rilievo costituzionale“.