‘Ndrangheta, Dda Reggio Calabria chiede arresto di 2 parlamentari ma il gip la respinge [NOMI e DETTAGLI]

Nell’ambito dell’operazione che stamane ha portato in carcere 40 persone, la Dda di Reggio Calabria ha chiesto l’arresto di 2 parlamentari

manetteLa Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria aveva chiesto l’arresto di due parlamentari in carica nell’ambito dell’operazione che stamane ha portato in carcere 40 persone, accusate a vario titolo di associazione per delinquere di stampo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione, intestazione fittizia di beni e societa’. Si tratta del deputato Giuseppe Galati (Ala) e del senatore Antonio Caridi (Gal). Le richieste sono state rigettate dal Gip. Su Caridi, peraltro, pende una richiesta di autorizzazione all’arresto nell’ambito di un’altra inchiesta della Dda reggina, quella denominata “Mamma Santissima”. Le richieste d’arresto sono state presentate dal procuratore Capo Federico Cafiero De Raho, dal suo aggiunto Gaetano Paci e dai sostituti Di Palma e Pantano. Secondo quanto si apprende, nel caso di Galati il Gip non ha ritenuto sufficienti gli elementi necessari per giustificarerl’arresto, mentre nel caso di Caridi, sempre secondo il Gip, le accuse sarebbero state assorbite nell’ambito della richiesta d’arresto formulata nell’inchiesta “Mamma Santissima”.