‘Ndragheta, tentati omicidi a Lamezia Terme: un fermo [NOME e DETTAGLI]

A Lamezia Terme, è stato sottoposto a fermo un uomo, legato alla ‘Ndragheta, accusato di tentato omicidio premeditato in concorso aggravato dalle modalità mafiose

manette‘Ndragheta Lamezia Terme – A Lamezia Terme, un nuovo gruppo criminale legato alla ‘Ndragheta stava cercando di conquistarsi una piazza di spaccio nel quartiere Capizzaglie. Gli inquirenti della Dda di Catanzaro hanno dichiarato che, il gruppo è accusato di due tentati omicidi e diversi atti intimidatori nei confronti di alcuni esercizi commerciali avvenuti nel 2011. Per questo motivo, questa mattina i carabinieri della Compagnia di Lamezia e del Nucleo investigativo di Catanzaro hanno sottoposto a fermo per tentato omicidio premeditato in concorso aggravato dalle modalita’ mafiose Francesco Paradiso, accusato di essere l’autore dei tentati omicidi di Pasquale Saladino e Giuseppe Morello avvenuti tra il novembre ed il dicembre 2011.

Il presunto reo avrebbe programmato, organizzato e direttamente compiuto le diverse azioni delittuose in cui tra l’altro, in una di esse, rimase ferito un bambino.  Secondo le recenti ricostruzioni, i tentati omicidi avevano lo scopo di eliminare due soggetti che potevano essere d’ostacolo alle attività della ‘Ndragheta. L’ipotesi si basa sulle dichiarazioni di 3 collaboratori di giustizia, ma anche sulla base di alcune intercettazioni e attività tecniche. Infatti, l’esame stub effettuato su Paradiso aveva portato alla luce alcune cellule compatibili con l’uso di una pistola 9×21. L’arma sarebbe stata utilizzata anche per alcuni atti intimidatori che furono compiuti nello stesso anno contro alcuni esercizi commerciali della zona. L’inchiesta è stata illustrata durante la conferenza stampa a cui hanno partecipato il procuratore aggiunto di Catanzaro Giovanni Bombardieri, il comandante della compagnia carabinieri di Lamezia Fabio Vincelli e il colonnello Ugo Cantoni. Quest’ultimo ha sostenuto: “Su Lamezia stiamo ricostruendo tassello dopo tassello una storia criminale, la situazione e’ sempre piu’ chiara il che non vuole pero’ che sia risolta“.