Messina, entro cinque giorni la riapertura delle fontane chiuse

La sesta circoscrizione di Messina ha effettuato un sopralluogo per la riapertura delle fontane chiuse e ha inviato una nota alle autorità per informarle dell’esito

fontanaIl Rag. Mario Biancuzzo, Consigliere della sesta Circoscrizione del Comune di Messina ha inviato una nota al Prefetto, al Sindaco, all’Assessore all’arredo urbano, e ai vertici dell’AMAM per comunicare l’esito di un sopralluogo effettuato e finalizzato a individuare siti idonei per la riapertura delle fontane chiuse esistenti. Scrive:
Nella mattinata di oggi 21 luglio 2016 è stato effettuato un sopralluogo con l’ing. Alessandro  Lo Surdo responsabile Amam unitamente  personale tecnico e  con il sottoscritto  per individuare i siti idonei per la riapertura delle fontane chiuse esistenti da oltre 80 anni. Mi corre l’obbligo comunicare  che lo scrivente ha sempre sollecitato la riapertura di almeno 4 fontane, lungo la strada statale 113/dir, chiuse inspiegabilmente  per consentire ai numerosi vacanzieri, turisti, residenti, automobilisti in transito sulla traffica arteria statale e numerosi ciclisti di usufruire del preziosissimo liquido. L’ing. Lo Surdo responsabile dell’AMAM ha assicurato che a breve saranno riaperte 4 fontane lungo la strada statale 113/dir., una a Spartà, una a Piano Torre, una a San Saba e Tarantonio. Fontane esistenti da sempre, non si può negare l’acqua, forse per il capriccio di qualcuno, un bene primario, un bene che salva la vita. Certo qualche incivile si permette di danneggiare le fontane pubbliche, io prometto di vigilare, essendo residente a San Saba, e non vorrei essere nei suoi panni se scopro chi si permette di fare atti vandalici e distruggere le fontane che saranno riaperte a breve. L’acqua è un bene primario, le fontane pubbliche sono indispensabili per un vivere dignitoso e civile.
La promessa è stata fatta al massimo tra 5 giorni abbiamo le fontane aperte. E’ doveroso ringraziare il Signor Sindaco, prof. Renato Accorinti, l’Assessore arredo urbano prof. Daniela Ialacqua, il Presidente dell’AMAM dott. Leonardo Termini, il direttore generale dell’AMAM ing. Francesco Cardile, l’ing. Alessandro Lo Surdo che hanno accettato e ritenuto giusto accogliere le mie richieste per la riapertura delle fontane pubbliche. Mi corre l’obbligo ringraziare, inoltre, i tecnici ed operai AMAM e la ditta che eseguirà i lavori a regola d’arte per la riapertura delle quattro fontane chiuse ingiustamente. Grazie a nome di tutti i cittadini della riviera nord“.