Messina, Biancuzzo: “richiesta di interventi di manutenzione presso la Chiesa San Saba” [FOTO]

Messina, richiesta di interventi di manutenzione presso la Chiesa San Saba da parte di Mario Biancuzzo, consigliere della sesta Circoscrizione del Comune di Messina, al Mons. Benigno Luigi Papa

Foto chiesa San saba 24 luglio 2016 ore 15,30 001Di seguito la lettera integrale di Mario Biancuzzo, consigliere della sesta Circoscrizione del Comune di Messina, al Mons. Benigno Luigi Papa:

Eccellenza,

le scrivo nella qualità di consigliere circoscrizionale, ma soprattutto come residente dalla nascita nel bellissimo villaggio rivierasco San Saba, che prende il nome del Santo Patrono. Sicuramente la Signoria vostra è a conoscenza che il 25 luglio del 2014 è crollata una parte dell’intonaco,  parte di cornicione e calcinacci dalla chiesa, sita sul lungo mare e sono caduti all’ingresso del portone, per fortuna senza causare danni a persone o cose. Personale dei Vigili del fuoco intervenuti immediatamente hanno dichiarato inagibile la chiesa. Nella stessa serata e il giorno successivo chiedevo con lettere scritte all’ora arcivescovo Calogero La Piana interventi urgenti mirati per la riapertura della chiesa. La Messa veniva celebrata nella chiesetta storica antica sita in piazzetta ed il Santo Patrono Saba spostato nella bellissima e piccola chiesa antica storica. Giorno 16 settembre e 13 dicembre 2014 sollecitavo, sempre con note scritte,  interventi di messa in sicurezza delle parti ammalorate della chiesa per consentire ai cittadini residenti ed ai numerosi turisti nel periodo estivo di partecipare alle funzioni religiose, visto che la chiesetta antica si presenta piccola e poco capiente. Sicuramente sarà stato fatto qualche intervento di manutenzione, infatti il 29 marzo 2015 veniva riaperta la chiesa, veniva celebrata la Messa e veniva riportato il Santo Patrono dalla chiesetta antica alla chiesa nuova, che era stata dichiarata inagibile. Mi corre l’obbligo comunicare a Sua Eccellenza che nessuna risposta è mai pervenuta allo scrivente, inspiegabilmente, da parte dell’arcivescovo Calogero La Piana. Premesso ciò chiedo nella qualità di consigliere circoscrizionale di SAPERE se intende la Signoria Vostra accertare tramite tecnici professionisti se la chiesa riaperta il 29 marzo 2015 può essere frequentata dai fedeli che numerosi soprattutto in questo periodo si recano in preghiera. E se intende, inoltre, dare incarico a ditte di fiducia realizzare tutti gli interventi necessari, rifacimento cornicioni, ristrutturazione dei muri e sistemazione del tetto con un controllo generale dell’intero immobile. Non voglio creare allarmismi ma prevenire è meglio che curare. In base alle leggi vigenti gradirei un cenno di riscontro.