Estate Liberi 2016: prosegue l’impegno della rete di Libera in tema di beni comuni e confiscati alle mafie

Estate Liberi (3)Già da diversi anni, in tutto il territorio nazionale, per divulgare ed affermare i valori cardine di legalità democratica e giustizia sociale, la rete di Libera propone i campi di impegno e formazione sui beni comuni e confiscati alle mafie. I campi si rivolgono soprattutto ai giovani che intendono conoscere ed approfondire lo studio del fenomeno mafioso, ma non solo, perché attraverso questo strumento si vogliono coinvolgere anche quei cittadini assetati di legalità e stanchi di essere assoggettati alle logiche della mafiosità, del ricatto, delle minacce. Per il secondo anno consecutivo, anche la città di Reggio Calabria si fa teatro di questa importante iniziativa. A pochi giorni dalla conclusione del campo formativo presso i locali dell’ex bowling di Gioacchino Campolo – affidati all’Arci – ha preso avvio il campo presso il MuStruMu (Museo dello Strumento Musicale), denominato “Musica sempre più Libera”. Il MuStruMu è un bene comune dato alle fiamme nel novembre del 2014 ed attraverso le attività di risistemazione, messe a punto dai 50 volontari accorsi da ogni punto del Bel Paese, potrà essere restituito alla collettività. I partecipanti si dedicheranno sino al prossimo 6 agosto sia ad attività manuali-laboratoriali legate a quella che è l’essenza del MuStruMu (manutenzione e riparazione degli strumenti musicali, riallestimento biblioteca e videoteca, sistemazione parco verde antistante), sia ad attività formativo-didattiche sulle tematiche connesse alla memoria delle vittime innocenti delle mafie, al riutilizzo sociale dei beni confiscati, all’impegno concreto per contrastare ogni forma di illegalità. Sempre in un’ottica di attivismo e di partecipazione allargata, ciò che si vuole ancora una volta ribadire è che i campi non sono esclusivi o riservati ai pochi, ma piuttosto aperti alla cittadinanza tutta. Attraverso questa esperienza, infatti, i cittadini potranno riappropriarsi di risorse preziose che gli sono appartenute e divenire cittadini operosi e socialmente responsabili – caratteristiche fondamentali per una società libera ed esente dal puzzo del compromesso mafioso.

Considerato che tutti i cittadini possono prendere parte alle attività diurne sopra citate, l’invito è rivolto anche per i seguenti appuntamenti:

  •  Martedì 02 agosto ore 21:00 – concerto di Domenico Bucarelli, cantautore reggino che racconta, in molti dei suoi pezzi, storie di gente comune rimasta vittima di mafia.
  •  Mercoledì 03 agosto ore 21:00 – esibizione del musicista Marco Bruno unitamente ai partecipanti (questi ultimi utilizzeranno gli strumenti musicali realizzati durante le attività laboratoriali).
  • Sabato 06 agosto ore 20:30 – festa di conclusione attività con la partecipazione di band locali.

Per ulteriori informazioni di dettaglio e modalità di iscrizione ai campi, è possibile consultare il sito nazionale di Libera (www.libera.it/estateliberi) oppure inviare una mail al locale coordinamento, all’indirizzo: reggiocalabria@libera.it.