Dal 2 settembre al via le domande di accesso al Sia, Poletti: “una misura ponte antipovertà”

Dal 2 settembre sarà possibile presentare una domanda di accesso al Sia, il sostegno all’inclusione attiva, che a determinate condizioni eroga un ‘assegno’ medio di 320 euro al mese

Copia di poletti_palco_2_3-0-3802540483_3-1-1819152476_3-1-2053871957_3-1-2828068716

Ieri la Gazzetta ufficiale che ne estende l’uso a tutto il territorio nazionale, oggi l’annuncio: dal 2 settembre prossimo si aprono i termini per la presentazione della domanda di accesso al Sia, il sostegno all’inclusione attiva, che a determinate condizioni e in presenza di un impegno a seguire progetti sociali e lavorativi personalizzati, eroga un ‘assegno’ medio di 320 euro al mese, tetto massimo 400 euro, a nucleo familiare per un anno.
Un tassello, questo, “una misura ponte” anti-povertà, come spiegato dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, nel corso di una conferenza stampa, che permette di avviare da subito un intervento nazionale in attesa che si completi l’iter parlamentare e attuativo della legge delega di contrasto alla povertà, licenziata dalla Camera, con cui il governo disegna “una lotta permanente e strutturale”. La Sia parte quest’anno con un budget di 750 milioni di euro ma l’obiettivo, spiega ancora Poletti, è ambizioso: raddoppiare la cifra nel 2017 e portare dal 40% del 2016 al 100% la tutela dei minori in condizione di povertà assoluta (oggi circa 1 milione).