Condofuri Marina: Primo Memorial “Pippo Mafrici”, rassegna teatrale in ricordo dell’attore

Locandina-Memorial-Pippo-MafriciL’Amministrazione Comunale di Condofuri Marina (RC), in collaborazione con la Compagnia teatrale “Palcoscenico ’91 di Pippo Mafrici”, organizzano il Primo Memorial “Pippo Mafrici”. La rassegna teatrale avrà luogo a Condofuri Marina, presso Piazza Regina Pacis a partire dalle ore 21:00/ 21:30.

Gli appuntamenti con l’intrattenimento sono previsti per i giorni:

 • 1 Agosto con la Compagnia Teatrale Deliese (di Delianuova) in “Mio marito..cocco di mammina!”

• 6 Agosto con la Compagnia teatrale “Annà in scena” (di Melito P.S.) in “La lettera di mammà”

• 12 Agosto insieme alla Compagnia teatrale “La Fucina” (di Melito P.S.) con “ ‘A bon’anima i me socira”

• 13 Agosto con la Compagnia teatrale “Luna gialla” (di Pellaro) in “Amuri di mamma”

• 19 Agosto breve interpretazione di Angelo Fazio ne “L’uomo dal fiore in bocca” di Luigi Pirandello; a seguire, la Compagnia teatrale “Palcoscenico’91 di Pippo Mafrici” in “ ‘A simenza miraculusa”. 

La prima e l’ultima serata iniPippo-Mafrici-1zieranno alle ore 21:00, con un breve dibattito, basato su testimonianze rese da parte di coloro che hanno conosciuto e vissuto a pieno Pippo Mafrici, sia in veste di attore che di amico nella vita quotidiana. Durante le cinque serate inoltre, verranno proiettati dei piccoli collage di commedie rappresentate negli anni passati (montaggio a cura di CaposudTV), per ricordare i più celebri ruoli interpretati dall’attore. L’intera manifestazione è dedicata alla memoria di Pippo Mafrici – scomparso lo scorso Ottobre – che ha prestato la sua spiccata dote artistica alla compagnia teatrale “Palcoscenico ’91”, capace di strappare sorrisi e risate al suo pubblico che ne ha riconosciuto e apprezzato l’alto talento ripagandolo sempre con un tripudio di applausi. Uomo dotato di una naturale capacità di immedesimarsi nelle scene, abile nel rendere “suo” il personaggio da interpretare, differenziandolo con bizzarre peculiarità e caratteristiche in maniera immediata e ironica. Proprio il palcoscenico, rispecchiava fedelmente il suo modo di vivere e di guardare il mondo. Amato da tutti grazie ad un’innata empatia ed un’allegria contagiosa.

“L’amore genera amore, la vita genera vita. Amatevi, abbracciatevi, vogliatevi bene..viva l’amore!” (Pippo Mafrici).

Costarella Maristella