Calabria: ancora difficoltà nei pagamenti per i tirocinanti di “Garanzie Giovani”

L’Associazione “Nuove Idee” è stata scelta per illustrare i dati di “Garanzie Giovani” a Reggio Calabria dinanzi i delegati della Commissione Europea

giovani-lavoroInteressante due giorni, nella città di Reggio Calabria, dei componenti la Commissione Europea Settore Bilancio che insieme ai  rappresentanti della Commissione Europea della Corte dei Conti, sono stati ospiti nella giornata di ieri presso la sala “Giuditta Levato” del Consiglio Regionale ed hanno ascoltato i dirigenti ed i funzionari regionali relativamente alle spese sin qui sostenute con i fondi comunitari POR Calabria 2014-2020 e nello specifico per il Programma Comunitario “Garanzia Giovani”. Sono intervenuti i due direttori generali rispettivamente: del Dipartimento Programmazione dott Paolo Praticò e del Dipartimento Lavoro e Formazione Professionale dott Antonio De Marco che insieme ad direttore di Fincalabra e ad altri funzionari ministeriali e regionali hanno “difeso” la Regione dagli attacchi dei Commissari Europei. Alla audizione in Consiglio regionale erano presenti anche il Presidente del Consiglio Nicola Irto, il consigliere regionale Giovanni Nocera, delegato del Presidente Oliverio e l’assessore regionale al Lavoro e Formazione Professionale Federica Roccisano.

La quale, salutando i convenuti ha illustrato il programma “Garanzia Giovani” che è stato voluto dalla Unione Europea, con la Raccomandazione del Consiglio del 22 aprile 2013, per consentire ai giovani tra i 15 ed i 29 anni di ricevere un’offerta qualitativamente valida di lavoro, in alternativa al proseguimento degli studi e rivolta all’apprendistato o al tirocinio formativo. “Garanzia Giovani” – ha spiegato la Roccisano - si rivolge a giovani non iscritti ad un regolare corso di studi (secondari superiori e universitari) o di formazione; giovani disoccupati/inoccupati. La nostra Regione ha predisposto specifici atti in materia, consentendo a chiunque sia interessato di essere informato in merito”. Nel corso della audizione i Commissari Europei hanno evidenziato che la regione Calabria ha quasi il 56% di disoccupazione, che i pagamenti per coloro che sono iscritti a Garanzia Giovani sono lunghi e difficoltosi perché la Regione deve trasmettere i dati all’INPS che ha difficoltà operative per poter liquidare le somme previste. Domande a cui i vari Dirigenti Regionali hanno risposto con dati di fatto.

Nella giornata odierna i lavori sono proseguiti presso la sede della “agenzia per il lavoro DOMI.F.S.” con sede in Villa San Giovanni. I rappresentanti della Commissione Europea hanno voluto ascoltare, in audizione, tirocinanti, aziende, agenzie per il lavoro, alla ricerca dei dati relativi ai soggetti avviati ai tirocini, ai soggetti assunti alla fine degli stessi, ai criteri utilizzati dalla Regione per la valutazione dei tirocini attivi, delle criticità emerse con il sistema “Garanzia Giovani”. Il dott. Davide Palmenta della DO.MI F.S. salutando i convenuti ha illustrato i risultati raggiunti dalla propria associazione. Interessante è stata la testimonianza diretta di una ragazza recentemente assunta dalla DO.MI., che precedentemente svolgeva un tirocinio formativo con Garanzia Giovani.

In questo contesto ha fatto il suo intervento il dott Antonio Diano, Presidente della associazione “Nuove Idee” , ente accreditato con la Regione Calabria sia per la gestione di attività formative a vario livello che per l’erogazione dei “Servizi per il Lavoro”. Il dott Antonio Diano ha messo in evidenza la rete che è riuscito a costruire con organizzazioni datoriali, sindacali avvicinando al mondo del lavoro sia gli imprenditori che i ragazzi disoccupati, cercando di unire domanda ed offerta nel sistema garanzia giovani.  “Il compito non è stato facile in quanto il tessuto economico – sociale della nostra città e della nostra regione è molto debole, ma la caparbietà dimostrata, – continua Diano – anche sotto la valida regia degli uffici regionali, ha consentito di raggiungere l’invidiabile risultato di circa 950 iscritti, di cui 223 tirocini avviati e 84 assunzioni fatte nel periodo ottobre 2015- luglio 2016. Sicuramente un risultato più che lusinghiero che consente di affermare che l’associazione Nuove Idee, dai dati emersi, è tra le prime in Calabria per operatività e raggiungimento degli obiettivi”. Interessanti sono stati gli interventi delle aziende che hanno usufruito dei servizi di Garanzia Giovani e gran parte di esse hanno trasformato i tirocini formativi in assunzioni.

Alla fine della audizione il dott. Antonio De Marco, ha concluso i lavori dicendo che la nostra regione non ha più alternative. “Ci sono i fondi, c’e la cabina di regia che è rappresentata dal Ministero del Lavoro. Occorre iniziare un nuovo ciclo. Gli uffici della Regione stanno predisponendo le procedure necessarie per risollevare la Calabria dal torpore in cui era sprofondata e soprattutto per dare ai giovani delle opportunità lavorative nuove e concrete  affinchè possano  guardare al futuro con maggiore speranze”.