Bangladesh, Pagano: “espellere sospetti, vigilare su money transfer”

Bangladesh, Pagano: “è urgente intensificare i controlli e il monitoraggio sui money transfer perché non è escluso che i soldi vadano a finanziare in parte il terrorismo jihadista”

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

“La nostra sicurezza ha priorità su tutto. Si parla di una connessione fra l’espulsione qualche settimana fa del bengalese residente in Friuli Venezia Giulia simpatizzante dell’Isis e la strage di Dacca. Se è così vuol dire che le forze dell’ordine e l’intelligence avevano visto giusto e che questa è la strada d percorrere. Buttare fuori tutti i soggetti col minimo indizio. Qui è in gioco la nostra sicurezza che ha la priorità su tutto“. È quanto dichiara il deputato Alessandro Pagano. “Senza contare che i bengalesi italiani - prosegue Pagano – trasferiscono ingenti somme all’estero e molti, soprattutto tra i venditori ambulanti, sono vittime del circuito della criminalità organizzata. Alla luce di queste considerazioni è urgente intensificare i controlli e il monitoraggio sui money transfer perché non è escluso che questi soldi vadano a finanziare in parte il terrorismo jihadista. C’è il serio rischio quindi che alla fine noi paghiamo indirettamente i nostri carnefici. Così come è doveroso che tutti costoro paghino le tasse nel nostro Paese, altrimenti significa che in Italia non possono stare. Gli sceriffi contro l’evasione – conclude Pagano – non facciano i prepotenti solo con gli italiani e gli zerbini con gli stranieri extracomunitari”.