Abusivismo edilizio: demolita un’opera edilizia abusiva nel reggino [FOTO e DETTAGLI]

Dopo quella realizzata nello scorso mese di dicembre nel territorio del comune di Reggio Calabria, si tratta della seconda di molte altre demolizioni in corso d’opera, avente in particolare ad oggetto un immobile costruito abusivamente nell’anno 2006 in località Santa Barbara -frazione Pellegrina di Bagnara Calabra

primaSu disposizione della Procura della Repubblica è stata eseguita nei giorni scorsi la demolizione coattiva di un’opera edilizia abusiva, presente nel territorio del comune di Bagnara Calabra. Dopo quella realizzata nello scorso mese di dicembre nel territorio del comune di Reggio Calabria, si tratta della seconda di molte altre demolizioni in corso d’opera, avente in particolare ad oggetto un immobile costruito abusivamente nell’anno 2006 in località Santa Barbara -frazione Pellegrina di Bagnara Calabra, consistente in una villa a 3 piani, di mq. 116 ciascuno, più mansarda di mq. 30, con affaccio sulla costa viola ed all’orizzonte le isole eolie. L’esecuzione delle demolizioni, rientrante tra le competenze della Procura della Repubblica in materia di esecuzione delle sentenze passate in giudicato aventi ad oggetto reati edilizi per i quali è stata comminata anche la sanzione della demolizione degli immobili abusivi, costituisce una misura che la vigente legislazione pone a tutela della integrità dell’assetto urbanistico e edilizio del territorio al fine di ripristinare la legalità violata dall’imponente fenomeno dell’abusivismo edilizio che, il più delle volte per fini speculativi, ha contribuito ad aggravare il consumo del suolo, ad innalzare il rischio di dissesto idrogeologico e financo a pregiudicare la parte sana delle relazioni economiche poiché gli interventi abusivi presuppongono l’irregolarità delle relative transazioni.

La Procura della Repubblica, coadopodiuvata dagli uomini dalla locale Sezione di Polizia Giudiziaria – Aliquota Corpo Forestale dello Stato, ha svolto un capillare monitoraggio dei fascicoli di esecuzione pendenti dal 1996 ed aventi ad oggetto abusi commessi tra gli anni ’80 e ’90, ammontanti a ben 686 per i 22 comuni interessati dal fenomeno, tra i quali prevale quello di Reggio Calabria con 328 abusi, pari al 47% del totale, seguito dal comune di Bagnara Calabra con 166. Grazie all’efficace collaborazione della predetta Aliquota del Corpo Forestale dello Stato è stato possibile verificare la geolocalizzazione e la successiva individuazione catastale dei manufatti abusivi colpiti dalle sentenze, recuperando pertanto i primi atti di sequestro nei quali erano specificati i particolari dell’abuso; identificando compiutamente i proprietari e/o utilizzatori dei medesimi immobili, in alcuni casi diversi dai condannati, come per esempio gli eredi; accertando presso gli uffici tecnici comunali l’esistenza di eventuali pratiche di sanatoria e procedendo in ultimo alla intimazione a demolire con la contestuale assegnazione di un termine di novanta giorni per provvedere. Dal lavoro svolto emerge il dato scoraggiante dell’immobilismo mantenuto negli anni dalle Amministrazioni Comunali, relativamente al fenomeno dell’abusivismo edilizio. È emerso che i Comuni non hanno attuato tutte le procedure previste dalla normativa vigente (D.P.R. 380/2001), ed in primo luogo l’acquisizione gratuita del bene abusivo e dell’area di sedime al patrimonio del comune, atto dovuto, successivo alla inottemperanza della ordinanza comunale di demolizione. Dietro precisa sollecitazione della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, sono avvenute soltanto due acquisizioni, in agro del territorio di Bagnara Calabra, ad opera della Commissione Straordinaria Prefettizia insediatasi nel corso del 2015. I Comuni, dopo l’emissione della prevista e doverosa ordinanza di demolizione, non hanno dato ulteriore seguito a quanto da Essi stessi ordinato. In alcuni casi hanno provveduto a verificare se l’abuso era stato demolito, circostanza comunque mai verificatasi nonostante che talvolta la stessa sia stata falsamente attestata, ma non hanno provveduto all’acquisizione gratuita del bene abusivo e dell’area di sedime al patrimonio del comune, quindi alla effettiva demolizione con recupero delle spese a carico degli abusivi, oppure all’utilizzo dello stesso bene per scopi di interesse pubblico. Tutto ciò ha anche ingenerato un inevitabile senso di sfiducia verso le Istituzioni nei cittadini che invece si sono adeguati alle prescrizioni amministrative ed urbanistiche e che hanno agito in conformità alla norma.

È stato accertato inoltre, che gli uffici tecnici risultano deficitari anche nella trattazione delle pratiche relative ai condoni edilizi del 1985, 1994 e 2003. E il dato è ancora più sconvolgente se si considera che da 30 anni le domande di condono edilizio presentate dai cittadini giacciono presso gli archivi comunali senza una risposta, sia di accoglimento che negativa. E’ emerso infatti,  alle richieste della Polizia Giudiziaria relative allo stato della pratica di condono, che gli Uffici Tecnici rispondono ancora che la procedura è in fase di istruttoria. Inoltre, si è provveduto ad ottenere tutte le informazioni utili alle Amministrazioni Comunali per poter accedere allo specifico “fondo demolizioni opere abusive”, che favorisce finanziariamente gli interventi pubblici di demolizione e ripristino dei luoghi oggetto di abusivismo edilizio, costituito presso la Cassa Depositi e Prestiti. Il capitale anticipato, deve essere restituito utilizzando le somme riscosse dalle Amministrazioni Comunali a carico degli esecutori/proprietari degli abusi. Le operazioni di demolizione, effettuate da apposita ditta edile iscritta nella white list  della Prefettura di Reggio Calabria, sono eseguite sotto la supervisione della medesima Prefettura che ha opportunamente delegato il Questore di Reggio Calabria per l’organizzazione del presidio dell’area di cantiere, da parte delle Forze dell’Ordine. Nella scelta delle opere abusive da demolire si è tenuto conto dei volumi da abbattere, della finalità dell’abuso realizzato, della pluralità dei vincoli violati, degli eventuali pericoli per l’incolumità pubblica nonchè della qualità soggettiva dei condannati.