A Gioiosa Ionica il progetto dal titolo “La cultura al centro storico”

Gioiosa JonicaL’associazione Don Milani-Onlus di Gioiosa Ionica lancia un particolare progetto dal titolo “La cultura al centro storico”. La proposta nasce all’interno della misura ministeriale “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici”, lanciata dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale. L’obiettivo dell’associazione è di essere in linea con le politiche di welfare, coesione e inclusione sociale promossa dall’Unione Europea, considerati un mezzo efficace per tradurre i bisogni comuni in proposte concrete e potenzialmente sostenibili. Come chiarisce bene il titolo, il progetto punta alla realizzazione di attività socio-culturali dedicate ai giovani della Valle del Torbido e alla comunità tutta, al fine di favorire la valorizzazione di un luogo di grande interesse storico-culturale ovvero la struttura teatrale adiacente al Castello di Gioiosa Ionica, trasformandolo in un punto di incontro, scambio e ricerca culturale. Il piano prevede il coinvolgimento anche di altri soggetti e, in particolare, l’Associazione culturale “Battente italiana”, il Circolo di Studi Storici “Le Calabrie” e il Gruppo Teatro Grotteria Onlus. Tante le attività in programma: Eventi culturali, presentazione e lettura di libri, serate enogastronomiche con degustazioni, musica e poesia; mostre d’arte e serate tematiche, corsi e stage dedicati ai giovani del territorio (scuola di musica e scuola di teatro); laboratorio per animatori del territorio/guide turistiche e, infine, realizzazione di un centro informativo storico e sociale del Teatro al Castello. Non si tratta della sola realizzazione di semplici spettacoli o iniziative sporadiche fini a se stesse, bensì di una serie di eventi legati dal filo della storia, della letteratura, delle tradizioni, della ricerca In alcune delle attività progettuali verranno coinvolti i soggetti economicamente attivi del territorio: aziende, artisti, artigiani, fotografi, scrittori, associazioni di categorie economiche, ma anche enti pubblici e agenzie educative. L’intento principale è promuovere una conoscenza più approfondita e particolareggiata delle ricchezze culturali e storiche del proprio territorio, scandita dalla collaborazione di studiosi e esperti. Creare confronti, relazioni, nuove forme di interpretazione di sé e del proprio territorio sono le finalità di questo cospicuo programma che mira alla piena partecipazione e alla presa di consapevolezza della centralità della persona nel proprio ambiente. Nei giorni 23 e 30 luglio i primi spettacoli, a partire dalle ore 18:00 nella zona antistante il teatro al castello verranno allestiti laboratori di giocoleria, arte di strada e teatro di burattini. Due giornate con l’arte “in strada” per favorire l’incontro tra persone e culture all’insegna della libertà di espressione, del sorriso e dell’intrattenimento.