Rissa tra migranti, Coisp: “il fenomeno immigrazione è una bomba ad orologeria”

tendopoli-san-ferdinando“Il fenomeno immigrazione e’ una bomba ad orologeria. Lo diciamo da tempo, e quanto accaduto oggi in Calabria e’ la conferma che il lassismo della politica ha riversato sulle forze di polizia la gestione di un fenomeno enorme, anche in maniera inappropriata“. Queste le parole rilasciate all’Agi dal segretario generale regionale del Coisp Calabria (Sindacato indipendente di polizia), Giuseppe Brugnano, commentando il ferimento di un carabiniere che ha reagito sparando e uccidendo un immigrato nella tendopoli di Rosarno. Secondo il Coisp, “nessuno si azzardi a fare salire il carabiniere coinvolto sul banco degli imputati di un tribunale speciale, perche’ in quelle condizioni poteva trovarsi chiunque di noi. La verita’ e’ che siamo costretti ad operare in condizioni disastrose, senza i protocolli operativi necessari per affrontare queste emergenze e senza strumenti e normative adatte. Da tempo chiediamo di dotare le forze di polizia di attrezzature adeguate che permettano di non usare la pistola – spiega Brugnanoaggiungendo appositi corsi di formazione anche rispetto alle tecniche di intervento da seguire in casi come questi, dove si viene aggrediti nel tentativo di sedare una rissa tra extracomunitari che non hanno alcuna intenzione di fermarsi nemmeno davanti alle forze dell’ordine. Esprimiamo piena vicinanza e sostegno – ha concluso il Coisp – ai poliziotti e carabinieri coinvolti in questa vicenda“.