Regione Calabria, domani la presentazione del Concorso per idee “Welfare che impresa!”

regione calabriaIl Presidente della Regione Mario Oliverio e l’Assessore al Lavoro Federica Roccisano presenteranno domani, alle 11,30, – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta – il Concorso per idee “Welfare che impresa!” rivolto alle giovani “start up” sociali chiamate a presentare progetti innovativi, dal forte impatto sociale e capaci di generare sviluppo locale. Alla presentazione interverranno anche Gaela Bernini – Responsabile Progetti Scientifici e Sociali di Fondazione Bracco, Alice Valente – Responsabile Comunicazione di Fondazione Italiana Accenture, Vincenzo Lazzaroli – Direzione Territoriale Calabria Sud di UBI Banca Carime. L’incontro sarà aperto dall’esposizione sullo scenario del welfare calabrese da parte di Giovanna Vingelli, sociologa dell’Unical , cui seguirà un dibattito tra esperti operanti nel settore come Vincenzo Linarello – Presidente del Consorzio Sociale Goel, Angela Robbe – Presidente Legacoop Calabria, Don Ennio Stamile – Referente Libera Calabria e Giacomo D’Arrigo – Direttore Generale Agenzia Nazionale per la Gioventù. “La scelta di presentare il bando nella Cittadella regionale – ha detto l’Assessore Roccisano – vuole essere una conferma dell’impegno che il governo regionale, guidato dal Presidente Oliverio, ha verso un welfare innovativo e fatto di nuove imprese giovani. Immediatamente dopo l’uscita del bando e la presentazione nazionale dello scorso otto giugno, a Milano, ho richiesto alla Fondazione “Bracco” la disponibilità per una tappa calabrese, dal momento che il concorso prevede una quota dedicata alle regioni del Sud ed una collaborazione positiva con “CampusGoel” che proprio in Calabria lavora. In questo senso abbiamo pensato che una presentazione calabrese potesse avere il merito di diffondere la notizia a beneficio dei giovani calabresi che vogliono aprire un’attività in questo settore , cogliendo anche l’occasione per costruire un dibattito a più voci sul Terzo Settore, destinato a diventare sempre più importante, grazie alle riforme messe in campo sia a livello nazionale che regionale”.