Reggio Calabria, vertice per il nuovo Ospedale del viale Europa. Il Sindaco: “obiettivo storico per la città”

riunione nuovo ospedaleNuovo vertice a Palazzo San Giorgio per la realizzazione del nuovo Ospedale del viale Europa. Nei giorni scorsi il Sindaco Giuseppe Falcomatà ha incontrato i rappresentanti nazionali dell’Agenzia del demanio con i quali è stato perfezionato l’accordo per la cessione dei terreni sui quali sorgerà il nuovo nosocomio cittadino. Presente all’incontro anche il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Reggio Calabria Frank Benedetto. “Con l’Agenzia del Demanio e con il Direttore dell’Azienda Ospedaliera Benedetto, che ringrazio per il grande lavoro che sta svolgendo al servizio della sanità reggina, si è instaurata una splendida sinergia - ha dichiarato il Sindaco Falcomatà a margine dell’incontro – da oggi lavoreremo affinché l’iter di destinazione dei terreni si possa concludere nei tempi previsti. Subito dopo si passerà alla fase progettuale ed alla cantierizzazione del nuovo Ospedale. E’ indubbio che si tratta di un’infrastruttura fondamentale per il nostro territorio, che ci consente di decongestionare l’erogazione delle prestazioni sanitarie attualmente fornite presso la struttura degli Ospedali Riuniti”. “Inoltre – ha aggiunto il primo Cittadino – la realizzazione del nuovo Ospedale è un progetto che si inserisce nel più ampio programma di interventi per la riqualificazione dell’intera zona sud della città. Mi riferisco ad esempio al rifacimento del viale Calabria,  alla ristrutturazione di Villa Guarna, da destinare in chiave culturale e turistica, alla riqualificazione del rione Ferrovieri e del Viale Galilei ma anche, nell’area costiera, alla realizzazione del Parco Lineare Sud collegato, attraverso il ponte sul Calopinace, al Lungomare Falcomatà. Inizia a prendere forma l’idea di città che abbiamo immaginato e progettato attraverso gli strumenti di intervento che abbiamo costruito in questi mesi - ha concluso Falcomatà - la realizzazione del nuovo Ospedale rappresenterà un passaggio storico per il nostro territorio, un appuntamento al quale vogliamo arrivare pronti, adeguando il tessuto urbano secondo una rivisitazione in chiave moderna degli spazi, delle infrastrutture e dei servizi, che devono guardare alle esigenze dei cittadini”.