Reggio Calabria: sequestrato il sito dexcar, le precisazioni del legale

processoLa Società Dexcar Autovermietung U.G. ed il sig. Marco Gai, nella qualità di Amministratore Delegato, a mezzo del patrocinio del proprio difensore nel procedimento penale, Lucia Rosa, De Benedetto, che ha interessato la predetta, con seguito all’eseguito sequestro richiesto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Biella del sito internet www.dexcar.ch, al fine di chiarire la realtà dei fatti ed in onore della verità, intendono dichiarare quanto segue:

“La Dexcar è una realtà aziendale giovane che opera in tutta Europa nelle stesse identiche modalità attuate sul territorio italiano. Gli impegni contrattuali siglati con i clienti sono stati portati a termine come da documentazione in possesso che verrà consegnata alle Autorità Giudiziarie nelle sedi opportune e nel rispetto dei tempi di legge, fiduciosi nel l’operato degli Organi Giudiziari e dei loro collaboratori. L’attività di che trattasi, del tipo multilevel marketing, è il frutto di raccolta mediante crown founding attuata on line, per nulla afferente alla tipologia di vendita mediante la ca “catena di Sant’Antonio”; gli aspetti tecnici verranno ovviamente illustrati a breve termine davanti alla Autorità Giudiziaria già adita. Tale tecnica di gestione degli ordini delle auto tramite le tabelle di assegnazione, e’ attuata anche in altri settori da parte di altre Società sul territorio italiano. Le notizie riferite nel l’immediatezza dell’esecuzione del sequestro giudiziario da parte di alcuni siti di informazione online e riportanti avvenuti arresti non sono corrispondenti al vero ed infatti nessuna misura restrittiva è stata a tutt’oggi eseguita; l’azienda riserva ogni azione legale laddove si dovesse configurare ipotesi di diffamazione o anche di diffamazione a mezzo stampa. Si rende noto altresì che tutti i pagamenti di somme eseguiti dai clienti sono tracciati nel rispetto delle norme di legge e che tutti gli ordini sono stati portati a termine nei modi e tempi di contratto, secondo le modalità di cui la clientela è stata resa edotta negli incontri preliminari all’inoltro degli stessi, ciò sia con riguardo ai buoni carburante che alle automobili. Nessuna truffa è stata mai tentata e/o posta in essere e le intenzioni dell’azienda sono quelle di continuare nell’attività lecitamente secondo il proprio progetto di espansione come fino ad oggi ha effettivamente operato. Pertanto, confermando l’impegno a proseguire nell’attività portando a buon fine gli ordini incamerati, si invita la clientela ancora in attesa a rispettare i tempi di maturazione delle consegne ed a mantenere la fiducia prestata, soprassedendo all’invito transitato online di denunciare fatti che non sussistono. Gli sviluppi della vicenda saranno oggetto di future comunicazioni, fermo restando che ogni chiarimento di dettaglio verrà reso alla clientela acquisita mediante la rete dei propri operatori e con mail alla “community”. Certi della professionalità degli operatori dell’informazione, si invita a dare seguito alla presente comunicazione con massima e tempestiva diffusione”.