Reggio Calabria, la posizione di Antonio Eroi sulla costituenda città metropolitana

Reggio Calabria dall'alto“Nel prendere spunto dalla bella riflessione della collega Alessandra Polimeno intendo intervenire, in qualità di presidente dell’Osservatorio Metropolitano di Reggio Calabria, per offrire spunti di riflessione, chiarire alcune problematiche e dare delle comunicazioni in merito al percorso di costruzione della Governance della Città Metropolitana”. Lo afferma in una nota Antonio Eroi, Presidente Oss. Metropolitano di Reggio Calabria.

“In primo luogo comunichiamo con immenso piacere che l’avv. Giuseppe Morabito, illustre giurista e già presidente della Provincia di Reggio Calabria è stato scelto per guidare il Comitato Tecnico Scientifico dell’Osservatorio. A lui vanno gli auguri personali e quelli di tutti i componenti che lo vedono come una guida sicura che ci porterà a suggerire importanti punti da inserire nello Statuto Matropolitano. Lo statuto Provinciale è infatti vecchio e inadeguato, ma grazie al già Presidente Morabito e alle modifiche proposte dalla Dott.ssa Polimeno è divenuto una buona base di Partenza”.

“Voglio ricordare a me e ad Alessandra Polimeno, che nella prima elezione dei Consiglieri Metropolitani che saranno 14, non deve essere rispettata la quota di genere nelle candidature, come previsto dall’art. 72 della Legge Del Rio, quindi ahimè prevediamo una presenza esclusivamente maschile nelle liste.  Un ringraziamento va al Sindaco Metropolitano Giuseppe Falcomatà per avere già iniziato a parlare di convocazione dei comizi elettorali, perché anche se di secondo livello, le elezioni sono un momento di democrazia e di crescita. Siamo quindi pronti ad una sua convocazione per un confronto sulle procedure e le modalità di elezione, senza alcuna divisione partitica o politica, in quanto l’osservatorio vuole offrire un punto di vista asettico e funzionale, anche essendo composto principalmente da soggetti politici”. 

“Vorrei comunicare alcuni dati importanti per cominciare a capire di cosa parliamo. Il corpo elettorale dovrebbe essere composto da 1151 elettori che sono i sindaci e i consiglieri dei 97 comuni del territorio dell’ex Provincia di Reggio Calabria, se non vi fossero ancora alcuni comuni commissariati e altri senza aver presentato liste alle ultime consultazioni. La cifra esatta sarà calcolata il 35° giorno prima della data delle elzioni. Il numero di firme per presentare una lista di quattordici candidati, è del 5% (58), quindi in teoria si possono presentare fino a una ventina di liste. Le liste si presentano in Provincia dal 21° al 20° giorno antecedente la data delle elezioni. Non occorre in questo caso la maggioranza dei votanti per la validità dell’elezione e i rappresentanti di lista possono essere anche comuni cittadini. Il nostro auspicio è che vengano rispettati tutti i territori e contrariamente a come è pensabile, non vi siano soltanto consiglieri del comune capoluogo”.