Reggio Calabria, il gruppo Forza Italia: “dopo i Patti per il Sud il nulla. Il contentino firmato Renzi”

palazzo san giorgio“I fatti parlano chiaro: il Governo Renzi pensa di poter appagare la città di Reggio Calabria solo con il contentino meglio conosciuto come Patti per il Sud. Gli ultimi provvedimenti dello Stato centrale hanno lasciato a bocca asciutta il nostro Comune, come è stato sottolineato nella Commissione Decentramento tenutasi questa mattina. Una Commissione bistrattata dalla sua stessa Amministrazione, che non ha pensato minimamente di coinvolgerla nell’ambito della discussione per i Patti per il Sud, caratterizzati infatti da alcun confronto democratico. Tant’è che, si ricorderà, i lavori della stessa Commissione Consiliare sono stati stoppati inspiegabilmente verso la fine maggio, e sono stati ripresi su istanza del Gruppo Consiliare di Forza Italia che ha addotto diversi temi di importante rilevanza per la Città di Reggio Calabria”, scrive in una nota il gruppo di Forza Italia in consiglio comunale Maiolino, Caracciolo, Dattola, D’Ascoli, Matalone, Pizzimenti. “Tra i vari argomenti, su sollecitazione del consigliere Caracciolo -proseguono i consiglieri- Forza Italia ha chiesto numi in merito al progetto “un miliardo per la cultura” e governo@bellezza.it. Le risposte date ai quesiti posti dal capogruppo Maiolino lasciano l’amaro in bocca per un’amministrazione così vicina alle sorti del Governo Renzi.    Non un centesimo di quel miliardo di euro per la cultura interesserà la nostra amata Città e neanche il comprensorio dell’intera ormai Città Metropolitana. Evidentemente la culla della Magna Grecia non è servita a sollecitare interventi di rafforzamento delle ricchezze nostrana. Speriamo che non un altrettanto buco nell’acqua sortisca il progetto “bellezza” del Governo, volta a favorire i progetti dei cittadini in prima persona per la riqualificazione della propria città e che inspiegabilmente l’amministrazione Falcomatà non ha pensato di diffondere. Un’amministrazione che dimostra di essere in grado di utilizzare i social, i post, e le condivisioni solo autoreferenziali. Non un minimo di progettualità nel suo programma. Ed allora, in forza di queste evidenze, si auspica che il settore urbanistica, così tanto potenziato negli ultimi tempi, partecipi attivamente al bando “riqualificazione urbana e sicurezza delle periferie”, che potrebbe rappresentare una importante linfa progettuale per una Città sovra tassata ma povera di servizi. Spaventati dalle dichiarazioni del Sindaco che in un’intervista televisiva è apparso incapace di quantificare la “benzina” necessaria per il nostro Comune e che sul finire della medesima intervista ha riferito la sufficienza delle somme già versate dal Governo dopo i Patti per il Sud, consigliamo vivamente, invece, di accedere in modo pieno e funzionale a risorse che possono rappresentare boccate d’ossigeno per la nostra Città”, concludono i consiglieri.