Reggio Calabria, Falcomatà: “il malaffare si combatte con la cultura”

Durante la conferenza per la presentazione del programma “Estate Reggina”, il sindaco Falcomatà ha voluto ribadire la sua posizione relativamente a quanto accaduto all’assessore Marcianò

Sindaco FalcomatàSi è tenuta questa mattina alle ore 10:00 presso Palazzo San Giorgio a Reggio Calabria, la conferenza stampa per la presentazione del programma dell’Estate Reggina. Alla conferenza erano presenti il sindaco Giuseppe Falcomatà, il Consigliere delegato ai grandi eventi del Comune Nicola Paris e gli assessori della giunta comunale. “Questa non sarà una giornata come tutte le altre“, dichiara il sindaco rivolgendo un pensiero all’ass. Marcianò, che nei giorni scorsi è stata vittima di atti intimidatori e all’assessore Zimballatti anch’egli vittima di atti intimidatori. Per questo motivo “sarà convocato un consiglio comunale aperto a tutte le associazioni e ai cittadini così da consentire di esprimere la propria opinione, idea e vicinanza nei confronti dell’amministrazione. Non può essere responsabilità solo delle istituzioni, ma necessitiamo di aiuto da parte dei cittadini in questo percorso tanto spinoso“. “Chiediamo alle forze dell’ordine – prosegue il sindaco – di far luce su questa vicenda. Questa città si sta distinguendo per la sinergia tra l’amministrazione comunale, la prefettura, le forze dell’ordine e la procura“. “Reggio non è solo ‘ndrangheta, ma è qualcosa di più. Siamo convinti che ogni forma di malaffare possa essere combattuta solo con le uniche armi che abbiamo: cultura, rinascita e coinvolgimento di associazioni e cittadini che nonostante le difficoltà insistono e resistono!“.