Reggio Calabria, Cisl: “i lavoratori precari dei centri per l’impiego senza stipendio”

mobilitazione dei lavoratoriLa CISL Funzione Pubblica di Reggio Calabria chiede “al Presidente Raffa e all’Assessore al ramo Pier Francesco Campisi, alla luce della disponibilità e della sensibilità  dimostrata in questi anni,  di intervenire con sollecitudine presso gli Enti coinvolti, Regione e Provincia, al fine di risolvere in tempi brevi la problematica della mancata corresponsione degli stipendi dal mese di aprile ai lavoratori a tempo determinato dei Centri per l’impiego della provincia di Reggio Calabria. I ritardi risultano, ancor di più ingiustificabili a seguito della sub convenzione  sottoscritta tra la Regione Calabria e la Provincia di Reggio Calabria “per la gestione operativa dei servizi per l’impiego e delle politiche del lavoro” nella quale veniva assicurato sia per il tempo indeterminato che determinato il pagamento degli stipendi. Ad oggi nessuna notizia in merito. La CISL Funzione Pubblica di Reggio Calabria è convinta che il Presidente Raffa, l’Assessore Campisi e l’Amministrazione provinciale tutta, così come si sono intelligentemente prodigati per raggiungere l’importante traguardo di riassegnare alla Provincia e conseguentemente alla Città Metropolitana le deleghe e le funzioni che la legge Delrio aveva destinato alla Regione Calabria, adotteranno anche per i precari dei CPI tutte le azioni concrete e celeri per fornire le giuste risposte al disagio che stanno vivendo i lavoratori coinvolti per i ritardi registrati nel pagamento degli stipendi”.