Reggio Calabria: arrestate due persone ritenute contigue alla cosca Alvaro [NOMI e DETTAGLI]

Reggio Calabria: arrestate due persone entrambi di Sinopoli gia note alle Forze dell’Ordine e ritenute contigue alla cosca Alvaro per reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso

arresti-manetteIl 29 giugno 2016, i Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Reggio Calabria, su ordine della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria – Direzione Distrettuale Antimafia, hanno tratto in  arresto, in esecuzione all’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Reggio Calabria:

–        ALVARO Antonio, di anni 50;
–        CUTRÌ Natale, di anni 48;

entrambi da Sinopoli, già noti alle FF.OO., ritenuti contigui alla cosca ALVARO di Sinopoli ramo “carni ‘i cani”, poiché ritenuti responsabili del reato estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Il provvedimento scaturisce dal prosieguo dell’attività d’indagine, condotta dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri reggini, che aveva già portato lo scorso 28 aprile all’esecuzione dell’operazione convenzionalmente denominata “Guardiano” con l’arresto di complessive quattro persone (tra cui gli arrestati) ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata dal metodo mafioso. Nello specifico sono state acclarate ulteriori condotte estorsive aggravate dalla metodologia mafiosa perpetrate dagli arrestati nei confronti di alcuni commercianti di legname nell’interesse della consorteria ALVARO. In particolare i due hanno preteso la corresponsione di un euro per ogni quintale di legna acquistato e successivamente hanno imposto l’acquisto di legname, ad un prezzo obbligato, esclusivamente presso imprese riconducibili alla famiglia ALVARO.