Nino Spirlì: “Fratelli d’Italia AN solidale col Carabiniere aggredito nella tendopoli di San Ferdinando”

nino spirlì le muse“Esprimo, a nome mio e dell’intero Coordinamento Regionale per la Cultura e Identità della Calabria, la massima solidarietà al Carabiniere ferito durante una lite fra immigrati nella tendopoli di San Ferdinando e i sentimenti di pena e frustrazione per la morte accidentale di un giovane africano. Il militare, costretto ad una lecita legittima difesa, ha dimostrato sprezzo del pericolo e alto senso della Legge. Purtroppo, la bestiale promiscuità di quei luoghi senza controllo e senza sicurezza mostra sempre di più la necessità di un intervento severo e definitivo da parte dello Stato che, a San Ferdinando, a Rosarno e nella Piana, continua a passeggiare solo per tagliare nastri e appoggiare candidati alle elezioni”, scrive in una nota Nino Spirlì. “I cittadini di questa grande fetta di Città Metropolitana – prosegue- si vergognano dell’assenza delle Istituzioni e dell’inappropriata presenza di certa malapolitica avvezza più al malaffare che alla difesa della legalità e dei diritti della propria Gente. A farne le spese, oggi come sempre, restano i più deboli: giovani stranieri vittime del bisogno e della ferocia delle mafie e leali servitori dello Stato, sempre in prima linea. Fratelli d’Italia AN farà la propria parte, ma spera che anche il resto della presenza politica sul territorio dica un definitivo NO alle camarille e ai bizantinismi di Palazzo e scenda in strada a fianco del Popolo Calabrese stanco e sfiduciato”, conclude