Messina, recupero della Zona Falcata: è partita la demolizione dell’ex Smeb [FOTO]

Per portare a compimento i lavori serviranno circa due mesi, dopodiché la città di Messina potrà riabbracciare parte della sua Falce

area smeb zona falcata messina (6)E’ iniziata stamane l’operazione di abbattimento dei vecchi silos abbandonati nella Zona Falcata: l’obiettivo, certificato dal piano regionale delle bonifiche, è risanare il territorio, compiere quei “cento passi” che servono per recuperare l’affaccio sul mare. Ricorrendo a Peppino Impastato, l’assessore alle politiche del territorio Sergio De Cola ha inaugurato i lavori. Via alla dismissione delle strutture in ferro, dunque, grazie al lavoro che verrà compiuto da una ditta catanese per un importo pari a 140mila euro; via alla fase due per la riqualificazione di una parte importante della città. In ballo ci sono circa 30 milioni di euro spendibili in progetti esecutivi: da qui l’esigenza di muoversi tempestivamente. ”Questo è un luogo che non esisteva più; ora c’è la volontà amministrativa e politica di restituirlo ai messinesi. Si tratta di un primo e fondamentale passaggio per la riconquista alla città dell’Area della Falce” hanno affermato all’unisono lo stesso De Cola e il sindaco Accorinti. “Dopo parecchi anni – hanno proseguito i due – una delle zone più suggestive ma anche più abbandonate della Real Cittadella viene demolita per essere restituita al patrimonio archeologico e monumentale di Messina. Siamo certi che la sinergia tra tutti gli Enti e le parti interessate consenta di recuperare luoghi come questo che rappresentano le origini della nostra città. Spesso le idee possono valere più del denaro“.

[Foto tratte dai social network]