Messina, inaugurata al Parco Horcynus Orca di Capo Peloro la sala immersiva

La tecnologia utilizzata, frutto di una ricerca co-finanziata dal MIUR, nell’ambito del bando Start Up, e dalla Fondazione di Comunità di Messina, è stata sviluppata da talenti siciliani

Un futuro mai visto al Parco Fondazione Horcynus OrcaQuesta mattina, nell’ambito della tappa messinese della manifestazione “Un futuro mai visto”, organizzata da Fondazione CON IL SUD per festeggiare il suo decimo compleanno, al Parco Horcynus Orca di Capo Peloro è stato inaugurato e aperto al pubblico il prototipo di sala immersiva multifunzionale. Si tratta di un’interfaccia scenografica di archivi audio-video di grande suggestione. L’impianto di emissione interattivo e multicanale a supporto della sala immersiva è collocato nel complesso monumentale della Fondazione Horcynus Orca, che ospita il Museo d’Arte Contemporanea MACHO, nato ai margini della riserva naturale di Capo Peloro, nell’estremità nord della Sicilia, in uno spazio millenario, cuspide geodinamica e storica del Mediterraneo. Nella sala immersiva su ogni parete sono puntati dei videoproiettori e, grazie all’utilizzo di modelli 3D e alla perfetta sincronia delle proiezioni, si crea una sala completamente “vestita” come se fosse un unico schermo. L’installazione è fortemente interattiva e grazie a una tecnologia innovativa le pareti raggiungibili dal pubblico sono rese sensibili al tocco. Tocco che permette di attivare degli eventi audio-video di grande impatto. Lo sviluppo sperimentale che ha portato alla realizzazione del prototipo si poggia sulla ricerca industriale di nuove soluzioni informatiche per l’interazione con il pubblico e per la visione immersiva con tecniche di real time 3D e compositing, nuove metodologie di produzione per il trattamento dei materiali visivi d’archivio. La ricerca, co-finanziata dal MIUR, nell’ambito del bando Start Up, e dalla Fondazione di Comunità di Messina, è stata coordinata da Gaetano Giunta e, per gli aspetti tecnico-artistici, da Stefano Roveda di Studio Azzurro ed è stata sviluppata interamente da talenti siciliani appartenenti all’associazione AK!lab e Malastrada Film. La sala immersiva, aperta in anteprima nei giorni scorsi per la visita di alcune scolaresche e per le telecamere di Linea Blu, sarà visitabile negli stessi giorni e negli stessi orari del Museo MACHO, ovvero dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00. Biglietto d’ingresso 5 euro.