Messina, il 5 luglio una prima giornata di sciopero dei lavoratori della Società Bluferries

Messina, la FILT – CGIL ha indetto “per il 5 luglio una prima giornata di sciopero dei lavoratori della Società Bluferries a sostegno della piattaforma per il rinnovo contratto integrativo presso questa azienda

BluferriesLa FILT – CGIL ha indetto “per il 5 luglio una prima giornata di sciopero dei lavoratori della Società Bluferries a sostegno della piattaforma per il rinnovo contratto integrativo presso questa azienda. Ciò a causa dell’atteggiamento di chiusura assunto dall’azienda,  che pretende di imporre condizioni peggiorative rispetto agli anni passati, con l’offerta di un salario integrativo notevolmente inferiore al precedente, e solo a parte del personal,e mentre ai restanti  tre quarti di questi verrebbe addirittura completamente negato. Riguardo l’organizzazione del lavoro viene comunicata unilateralmente la nuova programmazione dei servizi con richiesta di maggiori prestazioni, ma senza alcun riconoscimento economico e normativo. La richiesta del  Sindacato è di un aumento salariale dignitoso per tutti i marittimi, a riconoscimento dell’impegno profuso nel servizio di collegamento, in un’area particolarmente delicata quale è lo Stretto di Messina;  una turnistica omogeneamente articolata, che abbia rispetto per i tempi di riposo, per la programmazione delle ferie, per la tutela della salute dei lavoratori. Soprattutto si rivendica un impegno concreto e non ipotetico al rafforzamento della flotta quale presupposto vero per le garanzie occupazionali dei lavoratori e il miglioramento del servizio.    Appare inverosimile che una Società del Gruppo FS intenda destinare così poche risorse alla crescita professionale e qualitativa della propria attività e pertanto anche così poca considerazione per la forza lavoro che direttamente ne deve essere protagonista. La partecipazione allo sciopero del 5 luglio ed alle altre iniziative che il Sindacato metterà in campo è pertanto importante non solo per questa vertenza che riguarda il reddito e i diritti dei lavoratori, ma anche il futuro della mobilità nello Stretto, la convivenza tra le due sponde e la veicolazione di mezzi e merci quale servizio moderno ed efficiente all’economia siciliana. La FILT chiama inoltre le istituzioni, le forze sociali, la città, a non abbassare la guardia sulle problematiche che riguardano l’attraversamento dello Stretto ed a chiamare in causa con rinnovato vigore i governi nazionale e regionale perché facciano la propria parte. L’astensione dal lavoro avverrà ovviamente nel rispetto delle norme di legge previste per i servizi pubblici essenziali”.