Messina, cambio della guardia fra i revisori: si cerca l’erede di Zaccone

Il nuovo presidente dell’organo dovrà “normalizzare” i rapporti con l’Amministrazione di Messina, critica e pungente nei confronti dell’operato del predecessore

dario zacconeLe dimissioni di Dario Zaccone (ritratto nella foto) dal Collegio dei Revisori dei Conti di Palazzo Zanca hanno spinto l’Amministrazione a pubblicare sul sito un avviso per trovare il successore cui conferire l’incarico. E’ destinata a finire così la lunga soap opera che ha visto la Giunta cittadina polemizzare più volte, e duramente, col responsabile dell’organo di controllo. Le accuse degli accorintiani furono formulate esplicitamente, sulle pagine del Manifesto, da Tonino Perna: Zaccone, ritenuto fedelissimo di Genovese, secondo l’ex assessore avrebbe abusato della sua posizione per ostacolare il percorso “rivoluzionario” della Giunta “dal basso“. Entro il 18 luglio potranno essere presentate le domande per subentrare nel collegio ed insediarsi a Palazzo Zanca.