Maxi controlli a Reggio Calabria, ispezionati esercenti ambulanti di generi alimentari [DETTAGLI]

La Polizia di Stato passa al setaccio la zona centrale, nonché la centralissima Piazza Garibaldi. Controlli interforze agli esercenti ambulanti di generi alimentari

polizia soverato (1)Nei giorni scorsi, nell’ambito del piano di azione nazionale e transnazionale Focus ‘Ndrangheta elaborato in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, la Polizia di Stato ha nuovamente passato al setaccio il centro cittadino, con un presidio di oltre 200 uomini della Polizia di Stato che ha consentito un attento monitoraggio di persone e mezzi. Sono stati effettuati, altresì, numerosi controlli presso esercizi pubblici  della zona centro, procedendo all’identificazione dei relativi titolari ed avventori. Inoltre, personale interforze della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Municipale ha proceduto al controllo degli esercenti ambulanti di generi alimentari lungo il Ponte Calopinace, nonché a Piazza San Marco. La Polizia di Stato estrinseca, così, la sua strategia operativa mirata all’aggressione dei sodalizi mafiosi, anche mediante mirati controlli in contesti territoriali ritenuti nevralgici allo scopo. Il dispositivo ha visto la sinergia operativa delle donne e degli uomini della Polizia di Stato in servizio presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, il Reparto Prevenzione Crimine “Calabria Meridionale” di Siderno, con l’ausilio delle unità cinofile, nonché degli operatori del V° Reparto Volo di Reggio Calabria ed il supporto tecnico di personale specializzato del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica. In particolare, sono stati effettuati 22 posti di controllo, identificando 195 persone. Sono stati controllati 109 veicoli ed è stata elevata 1 contravvenzione per infrazioni al Codice della Strada. Sono state rilevate le targhe di ben 795 veicoli col nuovissimo sistema “Mercurio”, piattaforma tecnologica di geolocalizzazione, rilevazione e controllo delle targhe. Nella circostanza operativa, è stata rinvenuta 1 targa di moto oggetto di smarrimento. Sono state, altresì, effettuate 2 perquisizioni personali. L’efficace dispositivo di sicurezza, dispiegato dal Questore della Provincia di Reggio Calabria Raffaele Grassi, proseguirà anche nei prossimi giorni in altre località ritenute ad alta densità mafiosa.